I batteri marini che mangiano il petrolio

Il sequenziamento genomico di una serie di specie di batteri marini ha rivelato un potenziale inaspettato per il biorisanamento da idrocarburi

5 Ottobre 2021 | di Paolo Ponga

Batteri presenti nelle gelide acque dell’Artico sono in grado di biodegradare petrolio e gasolio. La notizia, davvero di buon auspicio, viene da uno studio pubblicato in agosto su Applied and Environmental Microbiology, “Biodegradation of diesel and crude oil by Labrador Sea cold adapted microbial communities” di Sean M.C. Murphy, Maria Bautista, Margaret Cramm e Casey Hubert.

Il sequenziamento genomico di una serie di batteri, tra cui Paraperlucidibaca, Cycloclasticus e Zhongshania, ha rivelato un potenziale inaspettato per il biorisanamento da idrocarburi. “Questi batteri – afferma il professor Hubert – possono rappresentare elementi chiave nella risposta alle fuoriuscite di petrolio nell’Artico. Queste acque permanentemente fredde stanno vedendo un aumento esponenziale di attività industriale legata al trasporto marittimo e alle attività offshore del settore petrolifero e del gas”. Il rischio di inquinamento è quindi ovvio.

Motore fondamentale della ricerca è stato il dottor Sean Murphy, cresciuto nel Labrador canadese. In quelle zone è evidente come il ritrovamento di petrolio offshore abbia portato vantaggi economici alle popolazioni costiere ma allo stesso tempo costituisca un enorme pericolo per l’ecosistema, come dimostrato dal disastro della piattaforma Deepwater Horizon nel 2010.

Allo stesso tempo, fino ad oggi, vi era una mancanza totale di studi che chiarissero la possibile risposta dell’ecosistema locale in caso di una fuoriuscita di carburante. Senza contare che un aiuto internazionale in caso di disastro ambientale nelle remote regioni di Terranova e Labrador sarebbe estremamente complicato e lento.

I ricercatori, una volta scoperta l’attività di questi batteri, hanno svolto degli esperimenti pratici, simulando la bonifica di una fuoriuscita di petrolio. Hanno così preso dei contenitori combinando fango dei primi centimetri del fondo marino, acqua di mare, diesel o petrolio greggio, i batteri ed elementi per loro nutritivi in diverse concentrazioni. Gli esperimenti sono stati svolti a una temperatura di 4°C, la stessa delle acque del mare del Labrador, e sono durati diverse settimane. I risultati sono stati davvero positivi.

“Le nostre simulazioni – spiega il professor Hubert – hanno dimostrato che questi batteri naturali possono rappresentare i primi soccorritori generati dalla natura in caso di fuoriuscita di petrolio, riuscendo a degradarlo nell’oceano”. Questo fa ben sperare in sviluppi positivi, con batteri della natura impegnati a proteggere la stessa, magari anche a latitudini più calde di quelle artiche. Auguriamo quindi a questi scienziati davvero un buon lavoro.

 

Fonte foto: Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. divelions ha detto:

    Che dire….Visto che purtroppo i disastri legati allo sversamento di petrolio in mare,sono sempre frequenti(vedi quello in California).Non ci resta che augurare, a questi batteri…BUON APPETITO!!!!

  2. Pierstefano Vernaschi - ha detto:

    molgto interessante . Si attendono sviluppi concreti in vasta scala auspicandone un risultato incoraggiante per il nostro ecosistema e la difesa dell’ambiente marino

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione