Lo Yacht Club di Porto Rotondo assegna il “Premio Guidone Azzurro” per la tutela del mare

Lo Yacht Club Porto Rotondo ha assegnato il “Premio Guidone Azzurro”, riconoscimento che ogni anno premia chi si distingue per azioni virtuose a favore dell’ambiente marino

20 Luglio 2021 | di Giuseppe Orrù
Yacht Club Porto Rotondo Premio Guidone Azzurro
La consegna del premio al conte Luigi Donà dalle Rose

Ha debuttato nei giorni scorsi, con la cerimonia di consegna, il “Premio Guidone Azzurro”, prestigioso riconoscimento che, da quest’anno con cadenza annuale, viene assegnato dallo Yacht Club Porto Rotondo a un socio o a colui che a vario titolo sia stato attore o artefice di azioni virtuose a tutela dell’ambiente marino e sottomarino, della sua biodiversità o delle comunità marinare.

Non solo arte contemporanea e baie incontaminate, quindi, ma anche tutela dell’ambiente e del mare. Porto Rotondo continua ad essere il magnifico risultato del progetto che negli anni ’60 misero in piedi i Conti Donà dalle Rose per realizzare un salotto elegante e riservato che potesse ospitare un turismo responsabile.

La prima edizione non poteva che essere vinta dal Conte Luigi Donà dalle Rose. Tutto ebbe inizio quando, durante la costruzione del borgo, il Conte Luigi incaricò la Degremont per la depurazione delle acque nere ed il successivo riciclo per l’irrigazione dei giardini di Porto Rotondo.

Negli anni ’60 – ha spiegato il Conte Luigi Donà dalle Rose – abbiamo evitato lo scarico dei reflui in mare. Non era scontato: all’epoca si usavano delle tubazioni che sfociavano direttamente nel golfo. La depurazione dell’acqua per il successivo riciclo l’avevo vista in America in quegli anni, e per me era importante che turisti e residenti potessero godere di acque limpide e pulite dove fare il bagno. Ma non solo: l’acqua depurata veniva e viene usata per l’irrigazione del verde di Porto Rotondo. Neanche una goccia d’acqua viene sprecata“.

Sono queste le motivazioni che hanno convinto la commissione composta da Vienna Eleuteri di Triton Research, fondazione che ha come mission la salvaguardia degli oceani, insieme ai dirigenti dello Yacht Club, nella persona del presidente e commodoro Sandro Onofaro, ad assegnare il prestigioso riconoscimento del Guidone Azzurro al Conte Donà dalle Rose. Un esempio di economia circolare rigenerativa messo in atto oltre 50 anni fa.

La serata è stata anche l’occasione per presentare al pubblico la “CrowdFoundMe” del socio Tommaso Baldissera Pacchetti e premiare il progetto che maggiormente si è distinto per eco-sostenibilità nel 2021. Grazie a CrowdFundMe, le imprese possono proporre al pubblico i propri progetti e ottenere i finanziamenti necessari allo svolgimento della loro attività. A vincere è stata la Mixcycling, società che utilizza le fibre vegetali, derivanti dagli scarti di produzione, per sviluppare materiali ecosostenibili e alternativi alla plastica, dando vita a soluzioni di economia circolare che trovano applicazione in molti settori, dal packaging all’automotive.

Con il Green Prix 2021 – ha sottolineato Baldissera Pacchetti – CrowdFundMe ha portato, e continuerà a portare con le future edizioni, l’innovazione green a diretto contatto con la platea dello Yacht Club di Porto Rotondo, costituita da imprenditori, industriali e manager molto attenti ai temi legati alla sostenibilità ambientale. Avvicinando le startup e le Pmi a questo pubblico, CrowdFundMe favorisce inoltre occasioni d’incontro utili in ottica di open innovation, oltre ad approfondire gli aspetti più significativi dei nuovi business ecosostenibili“.

L’appuntamento è alla prossima edizione del premio. “L’auspicio – ha detto il conte Luigi Donà dalle Rose, che è anche presidente onorario dello Yacht Club Porto Rotondo – è che le giovani generazioni possano impegnarsi sempre di più per il rispetto dell’ambiente. Il mio orgoglio è che quanto cominciato a Porto Rotondo negli anni ’60 prosegua e che l’evento dello Yacht Club sia il primo passo per un percorso a favore dell’innovazione e della tutela ambientale“.

L’evento è stato fortemente voluto da Luca Giovannini, socio storico dello Yacht Club e componente dello staff di Triton Research. “Triton – ha spiegato – vuole divulgare quello che i ricercatori e le varie organizzazioni stanno facendo per proteggere il mare. Intendiamo creare un percorso culturale in difesa dell’ambiente. L’assegnazione del Guidone Azzurro porta lo Yacht Club Porto Rotondo ad essere ambasciatore di questo messaggio“.

Foto di gruppo al termine della cerimonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione