Pagaiata di fine aprile: a Zoagli in kayak – PHOTOGALLERY

Dopo l'uscita verso Portofino, ecco il nostro secondo "tuffo" in mare

29 aprile 2018 | di Paolo Bellosta
Liguria Nautica
Spiaggia di Zoagli: foto da kayak

Portofino è una meta d’élite, lo sappiamo bene. La Piazzetta attira turisti come una calamita fa col ferro. D’estate un mare di gente invade questo piccolo e pregiato gioiello del Levante, persone che arrivano da ogni dove, da ogni parte del mondo. Lingue e culture diverse si sposano in questo angolo di paradiso.

La nostra uscita a Zoagli in kayak non ha nulla da invidiare alla perla del Tigullio. Probabilmente è vero, dire Portofino fa tutt’altro effetto ma molti sottovalutano, o addirittura ignorano, la bellezza di questa zona. Dal punto di vista naturale il panorama è impressionante: le scogliere si alzano sul mare con forza e vigore, sembrano guardarci in maniera severa, arcigna, accigliata. Le forme non sono per nulla dolci e accoglienti, sono aspre e severe. E’ proprio quest’impatto così “selvaggio” che rende ancora più affascinante la nostra uscita a Zoagli in kayak.

Partiamo dalla zona di Prelo, vicino alla frazione di San Michele, e ci spostiamo verso il marina di Rapallo, si tratta di uno dei porti turistici più rilevanti della zona. Subito notiamo la differenza rispetto all’itinerario Santa-Portofino, qui la costa è “vera”, selvaggia, quasi aggressiva, le spiagge che incontreremo sono quasi tutte scavate in mezzo agli scogli, sono incastonate tra cielo e mare. Sia chiaro, non vogliamo sminuire e ridimensionare la zona di Paraggi e il tragitto che porta a Portofino, vogliamo semplicemente segnalare questa differenza. Da una parte c’è una costa che ama farsi guardare, che è dolce e più lineare, che abbraccia, che accoglie, dall’altra c’è un tratto di mare molto più intimo, chiuso, riservato, che a tratti trasmette un senso di ostilità.

Dopo circa quaranta minuti vediamo il ponte della ferrovia che annuncia l’arrivo a Zoagli ma andiamo avanti e oltrepassiamo la spiaggia: ci muoviamo in direzione Chiavari. In lontananza vediamo la Colonia Fara, la voglia di proseguire c’è ma decidiamo di rimandare quest’itinerario e di rientrare verso Rapallo. Ci avviciniamo alla costa e iniziamo a pagaiare in mezzo a queste insenature e a queste alte scogliere, qualcosa di estremamente suggestivo. Siamo in estasi davanti a questi giganti di pietra, ci fermiamo, osserviamo il deserto blu che ci avvolge e respiriamo a pieni polmoni. Meraviglioso.

Le foto sono di proprietà di Liguria Nautica, riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Paolo Bellosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione