Plastica in spiaggia? No, grazie! – I surfer ripuliscono la spiaggia di Recco

Andrea Cavalleroni in collaborazione con Blackwave ha organizzato una raccolta che ha "fruttato" oltre mille pezzi di plastica e polistirolo, più di 240 bottiglie e tanto - purtroppo - altro sulla spiaggia di Recco

11 maggio 2018 | di Gregorio Ferrari
Il risultato della pulizia della spiaggia

La spiaggia di Recco è stata recentemente – ancora una volta – invasa da migliaia di pezzi di plastica e centinaia di bottiglie, in particolare nel tratto finale del letto del fiume che sfocia nella baia. La situazione non è certamente sfuggita ai ragazzi di Blackwave, scuola di surf, che hanno la loro base a Recco. Il motore e l’organizzatore è stato ancora una volta Andrea Cavalleroni, che ha formato una squadra di persone non appena è stato possibile per ripulire tutta la spiaggia ed il letto del fiume.

 

 

Andrea Cavalleroni, organizzatore della pulizia della spiaggia di Recco

Andrea Cavalleroni, organizzatore della pulizia della spiaggia di Recco

Sono molto soddisfatto – ci ha raccontato Andrea – perché nonostante l’organizzazione sia stata un po’ “last minute” l’adesione è stata molto buona. Alla raccolta hanno partecipato 25 persone che hanno dato il loro fondamentale contributo nella pulitura della spiaggia. Non riusciamo ad avere una pianificazione precisa perché ogni volta dipende dalle condizioni meteo marine, che devono essere di calma piatta per poter lavorare al meglio e ovviamente dallo stato di salute della spiaggia. Questa volta ci siamo attivati perché il letto del fiume era letteralmente ricoperto di plastica e bottiglie, ma non solo”.

Non è la prima volta che Andrea Cavalleroni organizza un’iniziativa di questo tipo, simile alle Clean Up organizzate da Outdoor Portofino (CLICCA QUI) lungo tutto il tratto di costa da Camogli a Niasca. Si tratta di attività importantissime che permettono di migliorare, almeno temporaneamente le condizioni di salute del mare e la vivibilità delle spiagge.

“Dopo due ore – ha continuato Andrea – avevamo levato il grosso. Poi abbiamo iniziato a levare i frammenti di plastica e micro-plastica, quelli che di solito sono tra le alghe e i legnetti, ed è stato un lavoro davvero utile, perché sono le parti che i pesci e gli uccelli ingeriscono più facilmente. Abbiamo riempito 45 sacchi di rifiuti raccogliendo 243 bottiglie e oltre 900 pezzi di plastica tra i 2 e i 50 cm.

Lo scopo dell’iniziativa non si limita alla semplice riqualificazione della spiaggia, ma mira a sensibilizzare quante più persone sulla quantità eccessiva di rifiuti plastici che produciamo e abbandoniamo ogni giorno.

Il risultato della pulizia della spiaggia

Il risultato della pulizia della spiaggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Ambiente

Ecoship, il futuro delle navi da crociera è ecologico

  • Foto
  • 30 gennaio 2018

In tempi recenti i concetti di comfort e di ecosostenibilità sembrano sempre meno inconciliabili. Ne è un esempio il Progetto Ecoship, un programma volto a realizzare la nave da crociera più ecologica del mondo.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione