‘Reti fantasma’, in un anno rimosse dai fondali 6 tonnellate di reti da pesca abbandonate

L'operazione 'Reti fantasma' rientra nel progetto "PlasticFreeGC" per il contrasto alla dispersione delle microplastiche in mare

6 Settembre 2020 | di Manuela Sciandra

La Guardia Costiera in un anno ha recuperato dai fondali marini e avviato al corretto iter per la distruzione ben 6 tonnellate di reti da pesca abbandonate. È quanto emerge dal bilancio annuale dell’iniziativa ‘Reti fantasma‘, che rientra nel progetto “PlasticFreeGC” per il contrasto alla dispersione delle microplastiche in mare.

Avviata il 9 luglio 2019 a Fiumicino, alla presenza del ministro dell’Ambiente, Sergio Costa e del comandante generale della Guardia Costiera, Giovanni Pettorino, l’operazione ha richiesto l’impiego della componente subacquea della Guardia Costiera dislocata sull’intero territorio nazionale.

“L’attività condotta dai nuclei subacquei della Guardia Costiera – ha spiegato Costa – ha portato alla rimozione dai fondali marini di 6 tonnellate di plastiche disperse in mare pari, a titolo esemplificativo, a circa 200 mila bottiglie di plastica. Un risultato importante se pensiamo che le reti fantasma sono responsabili dell’alterazione dell’ecosistema marino per la dispersione nell’ambiente delle micro-particelle sintetiche delle quali sono composte”.

Non solo ma queste reti, se lasciate in mare, continuano a “pescare” in maniera passiva, danneggiando l’habitat marino, uccidendo gli animali che vi rimangono intrappolati e minacciando la sicurezza di sub e bagnanti.

I lavori di rimozione delle reti sono stati preceduti da una fase preliminare di raccolta delle informazioni, che ha interessato tutti i comandi territoriali della Guardia Costiera, le categorie professionali operanti sul mare e le associazioni ambientaliste. Con le informazioni raccolte è stata quindi effettuata una prima mappatura generale, che ha individuato la collocazione delle reti fantasma lungo le coste e che verrà costantemente aggiornata con nuovi dati reperiti da tutto il Paese.

L’iniziativa, ancora in corso, proseguirà nei prossimi mesi e si inserisce in una più ampia campagna comunicativa sul tema della sensibilità ambientale condotta dal Ministero dell’Ambiente e dal Comando Generale della Guardia Costiera, di cui fa parte anche lo spot in onda su tutti i canali RAI con protagonista Enrico Brignano, realizzato allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla nuova problematica della dispersione nell’ambiente dei dispositivi di protezione individuale utilizzati per contenere l’emergenza sanitaria Covid-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione