Coronavirus, la lettera di un comandante: “Mettiamoci alla cappa aspettando che passi la tempesta”

"Siamo nel mezzo di una brutta tempesta ma presto tutto passerà e ci sentiremo più forti di prima"

30 Marzo 2020 | di Liguria Nautica

Liguria Nautica ha ricevuto una lettera del comandante e manager nautico di Imperia, Fabio Cavalieri, che ha voluto condividere con noi le sue riflessioni durante l’emergenza Coronavirus.

“Sono un uomo di mare, ci vivo e in un modo o nell’altro, mi guadagno da vivere grazie a lui. A quelli come me il mare ha insegnato tanto ed è arrivato adesso uno di quei momenti in cui mettere in pratica i suoi insegnamenti. Voglio condividere con i miei cari e i miei amici, questi miei pensieri, perché spesso dal mare si possono trarre insegnamenti utili nella vita di tutti i giorni”.

“Quando si è in barca con il mare in tempesta e non è possibile raggiungere un porto, avendo la responsabilità della vita dell’equipaggio, quando tutto sembra perso, la prima cosa da fare è non perdere la calma. Bisogna mettere tutto in sicurezza, fare di tutto perché la barca non subisca colpi di mare, prepararsi con coscienza e tranquillità, distribuire i salvagenti e mettersi in cappa*. Attendere. Contro il mare non si vince. Quando è incazzato bisogna abbassare la testa e assecondarlo”.

“Ci possono volere ore o giorni prima che la tempesta passi, nel frattempo bisogna razionare le scorte, controllare spesso le sentine e gli organi vitali della barca. Si deve cercare di prevenire ed evitare danni, tenendo tutto sotto controllo. Ognuno in barca deve fare la sua parte, dal comandante fino all’ultimo mozzo, tutti. Tutti uniti con un unico obiettivo, salvare la pelle e, se possibile, la barca”.

“Oggi i bravi comandanti non devono perdere la calma, mettere in sicurezza la propria famiglia, distribuire fiducia, vivere con quello che si ha a disposizione il più a lungo possibile e mettersi in cappa*. Ci vorranno settimane, forse mesi ma la tempesta finirà e rispiegando le vele proveremo ancora l’immensa gioia di navigare serenamente verso un porto accogliente”.

“Siamo nel mezzo di una brutta tempesta, ci bruceranno gli occhi per gli spruzzi di acqua salata mentre siamo al timone e forse ci faremo dei lividi per gli scivoloni a bordo. Ma presto tutto passerà e, nuovamente sereni con i piedi sulla banchina di un porto, ci sentiremo più forti di prima. Buon vento a tutti!”.

 

*Mettersi in cappa è una particolare andatura di sicurezza, che si attua quando le condizioni meteo-marine sono talmente brutte che navigare diviene una questione di sopravvivenza, per consentire all’imbarcazione di diminuire notevolmente la velocità, conservare lo scarroccio e consentire all’equipaggio di proteggersi e riposarsi.

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Sandro ha detto:

    Tralasciato un particolare importante, il bravo comandante quando la tempesta è annunciata, evita di avventurarsi in mare, inoltrarsi nella tempesta raccontando a l’equipaggio che non si corre nessun pericolo, e da incoscienti e da indegni di condurre qualsiasi imbarcazione

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione