Coronavirus, “Posso uscire in barca da solo?”. La risposta del Ministero dei Trasporti

In molti in queste ore si stanno chiedendo se possono alleviare le sofferenze dell’isolamento forzato uscendo con la propria barca in solitaria, oppure rifugiarsi su un molo a pescare, per stare un po’ all’aria aperta

16 Marzo 2020 | di Giuseppe Orrù
Una motovedetta CP, classe 800
Una motovedetta CP, classe 800

In molti in queste ore si stanno chiedendo se possono alleviare le sofferenze dell’isolamento forzato, dettato dal decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri per arginare la diffusione del Coronavirus, uscendo con la propria barca in solitaria, oppure rifugiarsi su un molo a pescare, per stare un po’ all’aria aperta.

La risposta è no. Ecco perché.

Il DPCM del 9 marzo effettivamente non fornisce indicazioni relative alle attività ludico sportive in mare. Tanto che il Ministero dei Trasporti si è dovuto affrettare a fornire alle Capitanerie di Porto delucidazioni in merito, trasmesse poi a tutti i circoli nautici, associazioni e porti turistici.

“L’uscita in mare – spiega la Direzione Marittima di Bari in una nota – richiederebbe inevitabilmente lo spostamento, anche se nel solo ambito cittadino, per il raggiungimento del mezzo navale, e ciò comporterebbe la violazione del DPCM, in quanto tale spostamento non sarebbe giustificato da esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute”. Vale a dire le uniche tre giustificazioni ammesse nella famosa autocertificazione da presentare ad un eventuale controllo delle forze dell’ordine.

Il Mit, in sostanza, dice che il problema non è tanto l’uscita in mare. Il vero problema, infatti, si pone per lo spostamento da casa al porticciolo in cui è ormeggiata la barca, che non sarebbe giustificato. Cosa diversa, invece, per chi vive a bordo della propria barca (ed è in grado di documentarlo), che invece potrà prendere il largo senza infrangere le disposizioni governative.

Un’altra eccezione è per chi lavora a bordo di un’imbarcazione, come ad esempio il comandante e gli altri marittimi che avevano in programma il trasferimento della loro imbarcazione, magari per un lavoro in bacino. In questo caso è possibile recarsi a bordo (e uscire in mare) dato che viene rispettato il principio delle esigenze lavorative. Ovviamente, però, la barca non potrà essere noleggiata o fare uscite a fini diportistici. Lo stesso vale per i pescatori professionisti, che possono continuare a svolgere la loro attività, uscendo in mare con i pescherecci.

Per tutti gli altri, invece, purtroppo non è consentito raggiungere la propria barca e neppure un molo da cui gettare una lenza. “La violazione – sottolinea la Direzione Marittima di Bari – comporta l’applicazione dell’art. 650 del Codice Penale, salvo ogni eventuale successiva verifica di dichiarazioni mendaci dell’autocertificazione. Si confida – conclude la nota – nell’opera di comprensione e conseguente sensibilizzazione che i circoli nautici/associazioni porranno in essere nei confronti di tutti gli associati, in ragione della tutela del bene primario della salute pubblica“.

Lo stesso discorso vale per le spiagge. Nella giornata di domenica 15 marzo, lungo il litorale di Genova, alcune motovedette della Guardia Costiera sono state impegnate nel pattugliamento delle spiagge via mare da dove, con il megafono di bordo, hanno invitato le persone che sostavano in spiaggia ad allontanarsi.

Nei guai anche un uomo di Rapallo che, sempre il 15 marzo, si è tuffato a San Michele di Pagana con la muta e tutta l’attrezzatura necessaria per fare pesca subacquea. Quando è uscito dall’acqua ha trovato gli agenti della polizia di Stato che hanno dovuto applicare l’articolo 650 del Codice Penale. Anche in questo caso, nonostante l’attività fosse in solitaria, non è motivato lo spostamento da casa verso la spiaggia. Nella stessa spiaggia, i poliziotti hanno denunciato altre 4 persone che invece stavano prendendo il sole.

 

Giuseppe Orrù

8 commenti

  1. Vitgorio ha detto:

    Andare a comprare le sigarette e giustificato ?ma fatemi il piacere. Dite la verità

  2. Cesare Biasiotti ha detto:

    Ma uscire per andare in tabaccheria si può?

  3. Fabiano ha detto:

    Gentile Sig. Orrù,
    sarebbe bene fornire informazioni corrette!
    Quanto riportato nel suo articolo non può essere considerato tale.
    Grazie e cordiali saluti

    • Giuseppe Orrù ha detto:

      Gentilissimo Sig. Fabiano,
      certo sarebbe bene fornire informazioni corrette. E’ il lavoro che ogni giornalista svolge, o cerca di fare, ogni giorno.
      Pertanto le chiedo di essere così cortese di voler specificare quali informazioni le risultano inesatte della nota della Capitaneria di Porto o dell’attività della Polizia di Stato che sono pubblicate, dato che l’articolo riporta soltanto informazioni dei concetti diffusi dalle autorità e non certo frutto di nozioni od opinioni personali. Ma non è detto che non possa esserci un errore che, sono certo, sarà così gentile da volermi segnalare.
      Grazie per la sua attenzione.
      Un caro saluto,
      Giuseppe Orrù

  4. piero ha detto:

    governo italiano: si dimostra sempre il solito approssimativo per la stesura dei decreti legge!!!! ….. poi invece sul treno tutti ammassati e senza mascherina atta stazione di Salerno!!!! Italietta che non cambia mai!!!!!!!!!!!!

  5. Caludio Capriolo ha detto:

    Il decreto “Io sto a casa” dice che non si puo uscire da casa se non per motivi giustificati. Poi si dice che è possibile correre in aree libere (da soli) . Questo è un buon motivo giustificato? MI chiedo: Se scendo da casa a piedi correndo e raggiungo il porto dove c’è la mia imbarcazione per poi salire sulla barca e sempre da solo vado a veleggiare in mezzo al mare. A quale infrazione incorro?

  6. emilio ha detto:

    Questi, con la scusa del rischio contagio, finiranno col fare impazzire la gente. E intanto il contagio andrà avanti lo stesso..

  7. Paolo Maria Ciriani ha detto:

    fatto bene!!! BENISSIMO!!! INOLTRE SE uno si fa male ad esempio con una bomata in testa va ad intasare il pronto soccorso già severamente impegnato ! ed andrà ad occupare un letto di terapia intensiva che potrebbe essere utile per salvare un infettato che non ha certo preso il covid-19 per divertirsi!

Commenti chiusi

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione