Costa Smeralda urta una gru durante l’attracco a Savona e perde una scialuppa in mare

Incidente durante l’ormeggio nella zona 16 del porto di Savona: Costa Smeralda è entrata in contatto con una gru di terra e ha perso una scialuppa in mare a causa del cedimento di un verricello

22 Gennaio 2021 | di Giuseppe Orrù

Incidente per Costa Smeralda durante l’attracco nel porto di Savona. L’ammiraglia di Costa Crociere nella mattinata di venerdì 22 gennaio, durante la fase di avvicinamento in banchina, ha urtato una gru di terra posizionata nella zona 16 del porto, alla quale è rimasta “agganciata” una scialuppa, che è poi finita in mare. Nell’incidente non è rimasta ferita nessuna persona tra il personale di terra e di bordo.

Pur non avendo riportato danni strutturali allo scafo, il contatto ha causato la caduta e il conseguente danneggiamento di una scialuppa, a causa del cedimento di un verricello. L’imbarcazione è stata prontamente recuperata e dalle prime verifiche non si registrano altri danni alle strutture della nave. La gru a terra è stata, invece, spinta fuori dai binari ed è rimasta danneggiata nell’impatto.

In Rete sono stati diffusi dei video dell’accaduto, ripresi da poppa, in cui si vede chiaramente il momento del contatto tra la scialuppa e la gru, e da prora, dove la manovra della nave insospettisce dei lavoratori del porto, che intuiscono che sta per avvenire l’incidente. Una persona a bordo della nave, invece, ha ripreso il momento in cui la scialuppa cade in mare.

Per accertare le cause dell’incidente, oltre al personale di Costa Crociere, sono intervenuti sul posto anche le autorità competenti e la Guardia Costiera ha iniziato ad ascoltare gli ufficiali della nave. La compagnia si è da subito messa a disposizione delle autorità locali, offrendo la massima collaborazione e si è già attivata per condurre gli accertamenti del caso, in modo da stabilire le dinamiche dell’accaduto.

Costa Smeralda rimarrà nel porto di Savona come da programma. Nonostante l’incidente non pregiudichi la possibilità per la nave di operare regolarmente nel rispetto dei normali parametri di sicurezza, la sosta in porto permetterà di effettuare le riparazioni del caso nel più breve tempo possibile.

Costa Smeralda da settimane è al centro dell’attenzione mediatica perchè la Rai vorrebbe tenerla ormeggiata in rada durante il Festival di Sanremo per ospitare a bordo il pubblico dell’Ariston che, in questo modo, sarebbe protetto da una “bolla sanitaria”. Le quotazioni di questa ipotesi, però, sono calate drasticamente dopo il vertice tra la Prefettura e la Rai, in cui il prefetto ha escluso categoricamente la presenza di pubblico, pagante e su inviti, nella platea del Teatro Ariston. Il ripiego della Rai potrebbe coinvolgere dei figuranti da far sedere nelle prime file.

 

Fonti video: Facebook/Paola Blè, Youtube/Crocieristi.it, Facebook/Marco Benny Siri

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. Francesco ha detto:

    Chi e’quel bel..one che ha lasciato la gru sulla banchina? mandatelo a raccogliere l’indifferenziata, avra’piu successo e non fara’ danni.
    Certo si vede la mancanza totale di pianificazione, dove e’il risk assesment dell’operazione (se sanno cosa e’) a che livello di ISO Lavorano? forse lo 0000.
    Questi errori costano soldi e reputazione, i soldi si ripagano ma la reputazione una volta persa e’ come i diamanti……for ever.
    Uno scherzetto come questo va a costare un 100.000 euro che vada bene !!!
    A quando ci concederete un bis ?? aspettiamo con ansia.

  2. divelions ha detto:

    Mannò,era solo un inchino al porto di Savona!!!!!

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione