Genova ricorda il 51° anniversario dell’affondamento della M/N “London Valour”

A Genova il 51° anniversario dell’affondamento della nave London Valour, a mezzo miglio dalla diga foranea del porto. Il messaggio del comandante generale della Guardia Costiera Pettorino

9 Aprile 2021 | di Giuseppe Orrù

Genova ha ricordato l’affondamento della nave “London Valour”, avvenuto il 9 aprile 1970, a mezzo miglio dalla diga foranea del porto del capoluogo ligure.

Sono passati 51 anni dal giorno in cui si consumò una delle pagine più tragiche ed eroiche della storia del mare. Il 9 aprile del 1970 una burrasca di eccezionale violenza investì il porto di Genova e la London Valour, nave mercantile da 26 mila tonnellate, impattò violentemente contro la scogliera spezzandosi in due.

Fu eroico l’intervento del tenente di vascello Giuseppe Telmon che, al comando della motovedetta CP 233, riuscì a trarre in salvo 26 persone dell’equipaggio. Con lui, a sfidare la furia del mare, anche un elicottero dei vigili del fuoco e tutti i mezzi navali disponibili, uniti nel disperato tentativo di salvare quante più vite possibili.

Queste drammatiche pagine di storia sono oggi ricordate nel libro “Il giorno del diavolo – Il naufragio della London Valour“, scritto dal giornalista Maurizio Piccirilli, con la prefazione del sindaco di Genova, Marco Bucci. Il volume si inserisce nella Collana “Storie di Mare”, curata dall’Ufficio Comunicazione del Comando Generale della Guardia Costiera e pubblicata dalle Edizioni All Around.

LA CERIMONIA A GENOVA

Per ricordare la tragedia, nella mattinata di venerdì 9 aprile, alla Capitaneria di Porto di Genova, si è tenuta una solenne cerimonia dell’alzabandiera, alla presenza del direttore marittimo della Liguria, l’ammiraglio Nicola Carlone, del sindaco di Genova, Marco Bucci, della console onoraria del Regno Unito, Denise Dardani e dei rappresentanti dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, nel corso della quale è stata issata, oltre alla bandiera italiana e a quella dell’Unione Europea, anche quella della Marina Mercantile Inglese, in ricordo delle vittime.

In questo video vi proponiamo anche le immagini fornite dall’Ufficio Comunicazione del Comando Generale del Corpo della Guardia Costiera – Capitanerie di Porto, in cui, oltre al messaggio del comandante generale, ammiraglio Giovanni Pettorino, vengono proposti anche i notiziari dell’epoca.

IL RICORDO DEL SINDACO: “GENOVA E LA LONDON VALOUR”

Fu veramente un dramma – ha detto il sindaco Marco Bucciio mi ricordo: avevo 11 anni e mio padre mi portò a vedere questo tragedia. C’era tutta la città, da via Nizza a corso Aurelio Saffi, fino alla Foce, tutti quanti a vedere e a pensare quanto è importante Genova. Si è imparato anche da quell’evento quanto Genova sia un nodo cruciale come porto, quanto il mare può essere una via di comunicazione ma anche un problema grosso per chi non lo affronta nel modo giusto. E quanto i genovesi si siano tirati su le maniche, per salvare più vite possibile“.

Bucci ricorda infatti “la grande prova di coraggio da parte dei genovesi che hanno voluto aiutare i marinai. Noi abbiamo pensato di ricordare questo evento con una grande manifestazione, che abbiamo rimandato all’anno prossimo. Vogliamo ricordare questa tragedia – ha aggiunto il primo cittadino – e ricordare come in mare si è tutti amici, tutti fratelli e ci si aiuta l’uno con l’altro. Con l’Inghilterra abbiamo ottimi rapporti e speriamo che il mare venga considerato sempre un grande modo per scambiare rapporti e per crescere insieme per un mondo migliore“.

LA CONSOLE INGLESE: “GRAZIE GENOVA”

Neanche la comunità britannica dimentica – ha aggiunto la console onoraria del Regno Unito, Denise Dardani non dimenticheremo mai. Saremo sempre grati alla Capitaneria di Porto per il salvataggio, a tutti i lavoratori portuali. Le famiglie dei superstiti, purtroppo, non sono potute venire. Ci sono i figli del marconista della London Valour che oggi non possono essere qui con noi, ma che mi hanno chiesto di ringraziare la città di Genova e l’ospedale San Martino, che ha curato i feriti e i soccorritori. Vorrei ringraziare tutti, anche a nome loro, per tenere vivo il ricordo di questa tragedia“.

Liguria Nautica, in occasione del 50° anniversario dell’affondamento della nave London Valour, ha raccolto il ricordo del comandante Aldo Baffo, tra i primi a prestare soccorso ai naufraghi in qualità di pilota del porto di Genova, che fu poi insignito della medaglia d’argento di Benemerenza Marinara. Il suo ricordo è disponibile in questa intervista.

 

Foto e video: Guardia Costiera

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione