Immatricolano lo yacht all’estero ma “dimenticano” di dichiararlo al Fisco: 22 armatori multati dalla Guardia di Finanza di Imperia

L’operazione “Forgotten Boats”, condotta dalla sezione Navale della Guardia di Finanza di Imperia, ha permesso di scoprire 22 imbarcazioni dal valore complessivo di 6,8 milioni di euro immatricolate all’estero e non dichiarate al Fisco

14 Maggio 2021 | di Giuseppe Orrù
Yacht non dichiarati al Fisco
Controlli in mare della Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza ha scoperto 22 yacht non dichiarati al Fisco. Si chiama “Forgotten Boats” l’operazione condotta dai militari della Sezione operativa Navale della Guardia di Finanza di Imperia, che ha permesso di approfondire la posizione fiscale di 22 armatori, imprenditori e liberi professionisti in gran parte residenti in Lombardia e Piemonte, possessori di imbarcazioni da diporto di particolare pregio, che non avevano provveduto a segnalarne al Fisco il rispettivo valore nell’annuale dichiarazione dei redditi.

Le fiamme gialle, grazie al contributo delle banche dati in uso al Corpo e ad una minuziosa attività di controllo eseguita lungo la Riviera di Ponente, hanno accertato che gli armatori, pur avendo immatricolato le loro imbarcazioni in porti esteri, tra i quali Cannes, Bruxelles, Tolone, Ajaccio, Mentone e Londra, avevano omesso l’anno scorso di dichiarare i beni al Fisco nonostante fossero cittadini residenti in Italia, come disposto dall’articolo 4 del Decreto Legge n. 167/1990.

Il valore complessivo dei 22 yacht ammonta a circa 6 milioni e 800 mila euro, con sanzioni quantificabili complessivamente da un minimo di circa 200 mila euro fino a un massimo di circa 1 milione di euro. Il valore delle sanzioni è stato calcolato tra il 3% e il 15% del valore del bene non dichiarato per gli ultimi 5 anni di imposta.

L’attività svolta dai finanzieri di Imperia si inquadra nell’ambito della strategia, messa in atto dal Reparto operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Genova, finalizzata a contrastare l’evasione fiscale internazionale nel settore del diporto nautico ligure.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione