Incendio nella stiva del traghetto Athara di Tirrenia: la nave torna in porto a Genova

La nave aveva mollato gli ormeggi per dirigersi in Sardegna ed è rientrata in porto a causa del fumo sviluppatosi nella stiva, causato da un semirimorchio a prua che aveva preso fuoco; coinvolti altri camion

17 Dicembre 2020 | di Giuseppe Orrù

Nelle prime ore di giovedì 17 dicembre si è sviluppato un incendio a bordo del traghetto Athara della compagnia Tirrenia. La nave, partita nella serata precedente da Genova con destinazione Porto Torres, aveva a bordo 176 passeggeri e 42 membri di equipaggio.

Le fiamme, che si sono sviluppate all’interno del garage destinato al trasporto di autoveicoli e semirimorchi, sono state contenute grazie ai sistemi antincendio di bordo. Ad innescare il rogo sarebbe stato un semirimorchio refrigerato stivato a prua. Il rogo ha poi coinvolto altri camion, ma nessuna persona è stata rimasta ferita o intossicata.

L’incendio è scoppiato durante la navigazione, mentre la nave si trovava al largo della Corsica, a circa 40 miglia nautiche da Genova, dove è rientrata alle 2,40 . A titolo precauzionale, la Capitaneria di porto di Genova ha disposto l’uscita in mare della motovedetta CP 2110, che ha raggiunto la nave per prestare assistenza in caso di necessità.

Una volta all’ormeggio, sono intervenuti a bordo i vigili del fuoco di Genova, che hanno provveduto a spegnere gli ultimi focolai, oltre agli ispettori della sicurezza della navigazione della Guardia costiera di Genova e ai tecnici del RINA per verificare le condizioni della nave. Tutti gli elementi raccolti sono stati messi a disposizione dell’autorità giudiziaria della Procura di Genova, che coordina le indagini sull’accaduto.

Da una primissima ricostruzione, tuttora in via di accertamento, le fiamme avrebbero inizialmente interessato un carico refrigerato, per poi propagarsi ai mezzi che si trovavano nelle vicinanze. Secondo la Capitaneria di porto sarebbero circa una ventina, con danni più o meno evidenti, gli automezzi e i rimorchi coinvolti.

Tutti i veicoli sono stati fatti sbarcare e Tirrenia ha organizzato il trasbordo dei passeggeri su un’altra unità per riprendere il viaggio nel corso della giornata. Per l’Athara è previsto il fermo per gli accertamenti del caso e il successivo ripristino delle condizioni di navigabilità in sicurezza.

 

Foto: Guardia Costiera e vigili del fuoco

Video: vigili del fuoco

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione