Iniziati i lavori per la ricostruzione e messa in sicurezza del porto di Rapallo dopo la terribile mareggiata del 2018

I lavori al porto di Rapallo sono iniziati il 3 maggio, con l'esecuzione dei rilievi topo-batimetrici e le attività di demolizione dei conci di muro paraonde crollati lungo la banchina. Nei prossimi giorni il salpamento nello specchio acqueo

11 Maggio 2021 | di Giuseppe Orrù
Lavori al porto di Rapallo
Iniziati i lavori al porto di Rapallo per la messa in sicurezza

Sono iniziati il 3 maggio i lavori al porto di Rapallo. Le attività coinvolgeranno mediamente 40 professionalità direttamente impiegate sul progetto, oltre a circa 100 lavoratori dell’indotto. I lavori si concluderanno nel maggio 2022.

I lavori sono stati presentati al porto turistico internazionale “Carlo Riva” di Rapallo, in una conferenza stampa sul piano di messa in sicurezza delle opere a difesa e tutela dell’abitato e dell’area portuale. Erano presenti il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, il sindaco Carlo Bagnasco e l’amministratore delegato di Bizzi & Partners, Davide Bizzi.

Il piano ha l’obiettivo prioritario della messa in sicurezza dell’abitato di Rapallo, una tra le più belle località della Riviera di Levante, colpito della violenta mareggiata che nell’ottobre del 2018 ha causato gravi danni nell’intero litorale ligure, distruggendo la diga e buona parte della struttura diportistica locale.

Il progetto di messa in sicurezza prevede l’estensione della scogliera di circa 45 metri, che alla conclusione dei lavori presenterà una lunghezza complessiva di 500 metri. Il muro paraonde, fondamentale per proteggere l’abitato cittadino, avrà un’altezza di 7 metri per un’estensione di 380 metri.

Per procedere con i lavori si prevede una significativa fornitura di materiali: 170 mila tonnellate di massi naturali per la scogliera e 41 mila tonnellate per i salpamenti. Saranno tre i mezzi navali impiegati in media, grazie ai quali sarà possibile procedere in rapidità e in sicurezza alla realizzazione delle costruzioni.

I lavori, affidati all’ATI Savarese Costruzioni Spa/Sales Spa, sono iniziati lo scorso 3 maggio a seguito dell’Ordinanza n. 07/2021 dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Dopo l’esecuzione dei rilievi topo-batimetrici di prima pianta delle aree a terra e degli specchi acquei, sono cominciate le attività di demolizione dei conci di muro paraonde crollati lungo la banchina e proseguiranno nei prossimi giorni con le operazioni di salpamento all’interno dello specchio acqueo.

La presentazione della messa in sicurezza del porto di Rapallo

Le attività previste dal piano coinvolgeranno in media 40 lavoratori direttamente impiegati nel corso dei lavori in cantiere, oltre a 100 professionisti dell’indotto, tra marinai e trasportatori.

Nell’ambito dell’operazione di partenariato tra pubblico e privato, Bizzi & Partners, nel proprio ruolo di garante e operatore ausiliario del concessionario, assicurerà il finanziamento dei lavori di cui gestirà la fase esecutiva fino all’avvenuto collaudo.

Il completamento degli interventi, incluso il collaudo, è previsto a maggio 2022. Le opere di difesa comporteranno un fabbisogno finanziario di oltre 20 milioni di euro, al netto dei lavori di ricostruzione del porto “Carlo Riva”, interamente finanziati con capitale privato senza il ricorso a fondi pubblici.

Questa giornata – ha dichiarato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, commissario straordinario per l’emergenza maltempo 2018 – rappresenta un altro tassello sulla strada della ricostruzione e della messa in sicurezza del porto di Rapallo dopo i danni ingenti provocati dalla devastante mareggiata dell’autunno 2018 con la distruzione della diga e anche della strada per Portofino, poi ricostruita a tempo di record e riaperta il 7 aprile dell’anno successivo. Oggi siamo qui a parlare di riduzione del rischio idraulico, grazie al lavoro congiunto di tanti professionisti che si sono rimboccati le maniche“.

L’inizio dei lavori arriva dopo la bonifica del golfo e il ripristino delle vie d’acqua ai moli, per cui la Regione Liguria ha già stanziato 10 milioni di euro con risorse della Protezione Civile.

Dopo un iter lungo ed estremamente complesso – ha affermato il sindaco di Rapallo, Carlo Bagnasco nei giorni scorsi hanno preso il via i lavori propedeutici e, finalmente, da oggi entrano nel vivo gli interventi per la realizzazione di un’opera che riteniamo prioritaria per la messa in sicurezza della costa. Desidero ringraziare ancora una volta tutte le istituzioni, le forze dell’ordine, la Bizzi & Partners e tutti i soggetti che hanno reso possibile l’avvio dell’opera“.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione