La compagnia I Venturieri festeggia il suo trentennale con un raduno di vele storiche a Venezia

Il ketch bermudiano Croix Du Sud, il cutter aurico in legno S. Maria di Nicopeja, tanti Arpège varati negli anni '60 sono alcune delle imbarcazioni a vela che si sono radunate in Laguna per una regata non competiva

28 maggio 2018 | di Riccardo Bottazzo
I Venturieri di Chioggia
Raduno di vele d'epoca a Venezia organizzato da I Venturieri

Uno spettacolo davvero superbo e, per di più, andato in scena in un palcoscenico d’eccezione come il bacino di San Marco, tra palazzo Ducale e l’isola di San Giorgio. Decine e decine di velieri d’epoca a vele spiegate che dal Lido si dirigevano alla marina di Sant’Elena e all’Arsenale. Una grande festa della vela storica e delle imbarcazioni tradizionali, quella che si è svolta nella laguna di Venezia sabato 26 e domenica 27 maggio.

Il grande raduno nautico, patrocinato dalle Federazione Italiana Vela, è stato organizzato dall’associazione I Venturieri di Chioggia, nata per diffondere l’amore per il mare e la cultura della vela. Con questa iniziativa, l’associazione ha voluto festeggiare il trentennale della sua nascita e ricordare il socio fondatore Gian Marco Borea d’Olmo, scomparso nel 1999. Borea era l’armatore di Vistona, uno storico cutter aurico varato nel 1937 che domenica, ha navigato in compagnia degli altri velieri nelle placide acque della laguna.

La regata non competitiva ha preso il via venerdì pomeriggio nel porto di Sottomarina di Chioggia e, dopo, una tappa davanti all’isola di Poveglia, è ripartita sabato mattina alla volta della Dominante. Prima dell’arrivo a San Marco, la flotta si è riunita con le imbarcazioni provenienti dal Nord Adriatico che avevano fatto sosta a Treporti. Quindi, tutti assieme hanno fatto rotta verso il piccolo porto di San’Elena, a Venezia, dove erano attesi dal comitato dei club nautici del Veneto per il tradizionale benvenuto. Domenica, dopo aver visitato l’Arsenale e partecipato al convegno su Gian Marco Borea d’Olmo organizzato da I Venturieri, le imbarcazioni sono poi ripartite in direzione dei rispettivi porti. 

Una trentina in tutto i velieri che hanno partecipato al raduno. Tra di loro ricordiamo le due golette Grand Bleu e Delfino, lo sloop scozzese Vanda, che quest’anno ha compiuto 84 anni di navigazione, alcuni Arpège varati negli anni ’60 nei cantieri di Michel Dufour, il ketch bermudiano Croix Du Sud e, soprattutto, lo splendido cutter aurico in legno S. Maria di Nicopeja, lungo 16 metri fuori tutto, varato nel 1901. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione