La manovra maldestra dello yacht a Genova: danneggia due tender e impatta contro l’isola delle chiatte

Il video della manovra maldestra dello yacht Claremont da 32 metri che in pochi secondi danneggia due tender e poi si schianta contro l’isola delle chiatte al Porto Antico di Genova

26 Luglio 2021 | di Giuseppe Orrù

Al Porto Antico di Genova uno yacht in manovra prima danneggia due tender con la poppa e poi si schianta di prua contro l’isola delle chiatte. E’ successo nel pomeriggio di domenica 25 luglio, sotto lo sguardo di turisti e passanti che passeggiavano in banchina ai Magazzini del Cotone e non hanno potuto fare a meno di riprendere la scena. Un video che è diventato virale.

Il motor yacht Claremont, lungo 32 metri, utilizzato come charter, ha avuto qualche problema durante la manovra di ormeggio al Marina Molo Vecchio. Le fasi della manovra sono da subito parse incerte. Mentre si avvicinava di poppa alla banchina, ha danneggiato due tender ormeggiati.

Dopo l’impatto, il comandante ha dato manetta e a velocità sostenuta è finito con la prua contro l’isola delle chiatte. Durante la “corsa”, lo yacht ha tranciato anche cima, probabilmente una trappa, della struttura galleggiante.

Le cause dell’incidente non sono ancora note: tra le ipotesi c’è un’avaria ai comandi, in particolare all’invertitore, che avrebbe fatto perdere al comandante il controllo della regolazione dei motori, come si può notare non appena viene innestata la marcia avanti, a una velocità decisamente eccessiva, fino al successivo impatto.

Claremont è uno yacht a motore costruito nel 2009 da VGB Superyachts e refittato nel 2015, facilmente riconoscibile per il suo scafo color nero e oro. A bordo può ospitare fino a 8 persone in 4 cabine, con 4 membri dell’equipaggio. Il suo baglio è di 6,80 metri e il pescaggio di 1,30 metri. La velocità di crociera è stimata in 21 nodi, ma può raggiungere la velocità di punta di 27 nodi. Trascorrere una vacanza a bordo del m/y Claremont costa dai 53.400 ai 59.400 euro a settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. divelions ha detto:

    Ma gli avranno fatto l’alcool test?Spesso gli armatori,(che in molti casi non hanno neppure la patente nautiica,si mettono loro alla guida dell’imbarcazione.E i risultati,si vedono.Altrimenti non si spiega,come sia possibile una tale manovra.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione