Ragazzini catturano animali marini e li lasciano morire in spiaggia a Savona. Appello dell’Enpa: rispettare il mare e i suoi abitanti

L'associazione animalista: "Non pescate o raccogliete nulla, rispettate ogni forma di vita marina e immergetevi solo con maschera e boccaglio"

27 agosto 2019 | di Manuela Sciandra
Pesce San Pietro
Un pesce San Pietro (Zeus Faber). Un incontro fortunato per un subacqueo.

L’Enpa (Ente Nazionale Protezione Animali) di Savona ha lanciato un appello a rispettare il mare e le sue creature, dopo che nei giorni scorsi alcuni ragazzini sono stati sorpresi a catturare animali marini, per poi lasciarli morire sulla spiaggia del Prolungamento, davanti ai genitori indifferenti. Per fortuna, poco dopo, un turista che passava di lì ha raccolto e ributtato in mare gli animali ancora vivi.

“Non pescate o raccogliete nulla -si legge nell’appello dell’ente per la tutela degli animali- rispettate ogni forma di vita marina e immergetevi solo con maschera e boccaglio”. Infatti, se è giustamente proibito raccogliere sabbia per ricordo, lo dovrebbe essere anche, e a maggior ragione, cacciare e uccidere per svago granchi, pesci e meduse.

L’Enpa di Savona ha calcolato che nel corso dell’estate, nella sola riviera savonese, “verranno uccisi almeno 12 milioni tra pesci, crostacei e molluschi, in un mare già danneggiato pesantemente da inquinamento, diffusione della plastica, pesca professionale senza limiti e pesca sportiva senza regole, mancato recupero dei rifiuti sui fondali e delle reti perse o abbandonate e cambiamenti climatici”.

Secondo l’Enpa, infatti, per tutelare il mare e il suo ecosistema si fa ancora troppo poco. “Basti pensare -sottolinea- che le aree marine protette hanno superfici insignificanti, il fermo biologico è inutile (se non addirittura dannoso) e il consumo di pesce degli italiani è raddoppiato nel giro di pochi anni, favorito da campagne promozionali irresponsabili, dato che poi il pesce in vendita risulta essere per tre quarti d’allevamento (per ogni kg prodotto ne servono cinque di pesce selvatico pescato) o proveniente dall’estero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione