L’Italia è la terza potenza della vela giovanile: tris di medaglie ai mondiali in Texas

L'Italia è la terza nazione dopo USA e NZ. L'RS:X è ancora la punta di diamante degli azzurrini

25 luglio 2018 | di Gregorio Ferrari

Il settore giovanile dell’Italia della vela non si ferma e centra un altro risultato molto importante, conquistando due argenti ed un bronzo ai campionati mondiali di vela giovanile andati in scena a Corpus Christi, in Texas, la scorsa settimana. Oltre alle medaglie per i singoli atleti, l’Italia ha ricevuto anche un altro riconoscimento di altissimo livello, dimostrandosi la terza squadra più forte al mondo, dietro solamente agli Stati Uniti e alla Nuova Zelanda e davanti ad altre 63 nazioni.

Come accade ormai sempre più spesso, a livello giovanile lo zoccolo duro degli atleti a medaglia è rappresentato dalle tavole a vela, gli RS:X, dove Nicolò Renna ha conquistato l’argento nella flotta maschile, mentre Giorgia Speciale ha ottenuto il bronzo in quella femminile. Andrea Spagnolli e Giulia Fava hanno invece ottenuto un ottimo argento nei Nacra 15, nonostante la formazione dell’equipaggio sia piuttosto recente.

“Un risultato importante -ha commentato Francesco Ettorre, presidente della Fiv- che conferma la qualità del nostro settore giovanile. Chiudiamo i mondiali giovanili con 3 medaglie e con l’ottimo risultato del catamarano misto. Nelle ultime 3 edizioni dei mondiali giovanili -ha ricordato Ettorre- siamo sempre saliti sul podio e sono molto orgoglioso del lavoro dei nostri ragazzi, dei loro allenatori, delle società e dello staff tecnico federale che, con la direzione tecnica, hanno contribuito al raggiungimento di questi risultati”.

Un po’ di rammarico, invece, per il podio sfiorato nel Laser dal giovane talento Guido Gallinaro. Nella classe con la più grande diffusione e con il livello più alto al mondo, il velista della Fraglia Vela Riva ha chiuso in quarta posizione, a pochissimi punti dal terzo, con un ottimo primo posto nell’ultima prova di giornata. Quarto posto anche per Michelle Waink e Claudia Gambarin che nella classifica dei 29er femminili non sono riuscite a raggiungere il podio, dimostrando comunque un buono stato di forma.

Nei 29er maschili settimo posto finale per Federico Zampiccoli e Luca Fracassi. Nei 420 femminili Giorgia Sinigoi e Sara Zuppin hanno concluso la settimana in quinta posizione, mentre nella flotta maschile Matthias Menis e Nicolas Starc hanno conquistato solo la dodicesima posizione, anche a causa delle due bandiere nere raccolte.

“E’ stato un bel campionato -ha dichiarato Alessandra Sensini, direttore tecnico giovanile- anche perché come nazione siamo ancora sul podio e con 66 nazioni presenti vuol dire che siamo andati bene: due argenti ed un bronzo, un argento nei Nacra e poi gli RS:X maschili con Renna e femminili con Speciale. Mi è dispiaciuto un po’ -ha concluso Sensini- per Guido Gallinaro nei Laser Radial maschili: quella partenza anticipata alla prima prova, l’ha messo in una condizione difficile, da cui si è liberato solo verso la fine”.

Argomenti: ,

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione