Nelle profondità del Mar Nero scoperto il relitto di “Ulisse”. E’ la nave intatta più antica del mondo

Una troupe di scienziati archeologi, grazie a dei sofisticati droni subacquei, ha trovato i resti di uno scafo risalenti a 2400 anni fa

11 novembre 2018 | di Riccardo Bottazzo

E’ il relitto più antico del mondo. Per 2 mila e 400 anni è rimasto addormentato nelle abissali profondità del Mar Nero, sdraiato in assetto di navigazione a oltre duemila metri di profondità. Trovarlo e restituirlo alla storia, è stata una impresa del celebre Map, acronimo di Maritime Archaeology Project. Una troupe internazionale di archeologi e scienziati che fa riferimento all’Università di Southampton e che dal 2015 sta setacciando con un alcuni droni abilitati per le alte profondità e attrezzati per raccogliere immagini a tre dimensioni, le coste della Bulgaria dove un tempo approdavano le navi provenienti dalla Grecia e, in generale, dai porti mediterranei. 

La scelta del mar Nero non è casuale. Non soltanto per la grande attività commerciale e marittima che vi si svolgeva nell’antichità, ma per le profondità delle sue acque che assicurano una sorta di ibernazione del possibile relitto. La quasi totale assenza di ossigeno riscontrabile nelle acque profonde, impedisce infatti il proliferare degli organismi acquatici che sono la causa principale del deterioramento del legno.

In questi anni di attività nel Mar Nero, il Maritime Archaeology Project ha riportato alla luce una ventina di resti di navi, per lo più risalenti alle epoche romane, bizantine ed ellenistiche. Si tratta però di frammenti di scafi, che non restituiscono nessuna informazione sulla conformazione delle navi cui appartenevano.

Ma stavolta è stato diverso. Stavolta la nave trovata è pressoché intatta, con tanto di alberi e timoni ancora al loro posto, come se non fosse ancora stanca di navigare nell’azzurro del mare. L’esame di alcuni campioni di legno prelevati dal relitto ha dimostrato che lo scafo, lungo circa 23 metri, risale al 400 a.c. Si tratta, senza dubbio alcuno, del più antico relitto navale intatto scoperto nel mondo. 

“Ci è sembrato di vivere in un film di avventura -ha dichiarato al New York Times il responsabile del progetto, il professor Jon Adamnon pensavo fosse possibile trovare una nave come questa, ancora intatta, a tali profondità. Il suo studio senz’altro cambierà la nostra comprensione della costruzione navale e della navigazione nel mondo antico”. 

La storia di questo antico relitto è ancora tutta da scrivere. Probabilmente, stando ad alcune rilevazioni, trasportava, oltre alle solite anfore che erano i contenitori principali in tutta l’antichità, anche ceramiche. Le sue stive, ancora semi sepolte nella sabbia, potrebbero nascondere un vero tesoro artistico, oltre che archeologico. Purtroppo però il recupero della nave è pressoché impossibile perché il legno, rimasto in uno stato anossico per 24 secoli, si dissolverebbe al primo contatto con l’aria. Ma gli archeologici hanno già trovato molte somiglianze con le navi raffigurate nei vasi greci dell’epoca, custoditi nei musei. 

In particolare, lo stesso Jon Adam ha sottolineato la somiglianza tra i resti del relitto e lo scafo raffigurato nel celebre Vaso delle Sirene che si trova in una teca del British Museum e che dipinge Ulisse legato al palo mentre cerca di resistere al canto ammaliatore. Il vaso è famoso perché raffigura le sirene come uccelli con la testa umana, come se le immaginavano gli antichi greci, e non come avvenenti donne con la coda di pesce, come raccontato nella nostra tradizione.

Chi, a differenza dell’eroe omerico, non  ha saputo resistere alle sirene, sono i giornalisti di tutto il mondo che hanno immediatamente battezzato il relitto – che pure risale ad un’epoca molto più recente che quella della guerra di Troia – col nome la “nave di Ulisse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Tecniche di pesca dalla barca

A pesca con Max! La pesca sui relitti

Approfondiamo col nostro amico Max la pesca sui relitti, tecnica che affascina tutti i pescatori che possiedono una barca

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione