Prima violazione in materia di ship recycling: multata una nave italiana smaltita in Turchia

La Guardia Costiera di Genova ha accertato la prima violazione in materia di ship recycling, sanzionando un armatore che ha portato una nave italiana in Turchia per lo smaltimento

15 Novembre 2021 | di Giuseppe Orrù
Prima violazione in materia di ship recycling
Il Consolato d'Italia a Smirne, in Turchia, ha collaborato alle indagini

La Guardia Costiera di Genova ha accertato la prima violazione in materia di ship recycling, sanzionando un armatore europeo per aver violato la disciplina dell’Unione Europea in materia di demolizioni delle navi. Con il Regolamento Ue 1257/2013, l’Unione persegue, infatti, l’obiettivo di prevenire gli incidenti ed evitare gli effetti dannosi sulla salute umana e sull’ambiente prodotti dalle operazioni di ship recycling.

Le lunghe indagini condotte dalla Guardia Costiera di Genova, che  hanno consentito di scoprire che un’unità battente bandiera italiana, in possesso di un armatore europeo, a fine 2020 è stata trasferita in un cantiere turco nel distretto di Aliağa per essere demolita lo scorso febbraio, disattendendo le procedure del Regolamento Ue.

Grazie al supporto del Consolato d’Italia a Smirne, i militari della Capitaneria di Porto sono riusciti a verificare, direttamente in Turchia, che la demolizione dell’unità oggetto d’indagine fosse avvenuta secondo procedure in contrasto con quelle previste per le unità mercantili di bandiera dei Paesi dell’Unione Europea. Accertamenti che sono stati riconosciuti e confermati anche dalle successive indagini dell’autorità marittima turca.

Per l’Italia è la prima volta che si applicano le sanzioni, pari ad oltre 30 mila euro, previste per la demolizione di unità navali in impianti non autorizzati e in assenza del “ready for recycling certificate”.

Continua così l’impegno della Guardia Costiera di Genova nel vigilare sulla corretta applicazione della normativa in materia di ship recycling. Un impegno che ha già visto Genova e la Guardia Costiera ligure avviare la demolizione, per la prima volta in Italia secondo le procedure dell’Unione Europera, di tre relitti al cantiere San Giorgio del Porto, impianto inserito tra quelli autorizzati per il pieno rispetto delle norme di sicurezza e di riciclaggio dei rifiuti prodotti dalle attività di demolizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione