Relitto Haven, la corrente allontana un sub dal gruppo. Salvato dai vigili del fuoco

A causa della corrente l’uomo si è allontanato di circa 500 metri dai compagni di immersione, senza un pallone segnasub. Se l’è cavata senza problemi sanitari

2 ottobre 2019 | di Giuseppe Orrù

Momenti di paura per un sub che stava facendo un’immersione di gruppo sul relitto dalla Haven, ad Arenzano. Il sommozzatore, nella fase di risalita, ha perso il contatto con il gruppo e, successivamente, con il relitto. L’uomo ha poi proseguito la fase di decompressione in solitaria, senza un pallone segnasub visibile dalla superficie, allontanandosi di circa 500 metri dal punto di immersione a causa della corrente.

Gli altri sub nel frattempo hanno dato l’allarme, avendo perso il contatto con lui. Sul posto è intervenuto l’elicottero Drago dei vigili del fuoco, con a bordo i sommozzatori. La ricognizione aerea ha permesso di individuarne la posizione per la presenza di bolle che uscivano dall’acqua. I due sommozzatori si sono così tuffati, hanno preso contatto visivo con il sub in difficoltà ed hanno comunicato la loro posizione al gommone dei vigili del fuoco, con la squadra iperbarica a bordo.

Raggiunto il sub, gli hanno prestato assistenza per tutta la decompressione durata circa 40 minuti. Alla riemersione è stato poi fatto salire a bordo del gommone ed è stato portato al porto di Arenzano, dove ad attenderlo c’era un’ambulanza del 118. Terminata la visita da parte del medico, non è stato ritenuto necessario fornire ulteriore assistenza sanitaria.

La Haven, considerata il relitto esplorabile più grande del Mediterraneo, rimane un sito di immersione di raro fascino e grande bellezza. Ma purtroppo il suo nome è stato già accompagnato da notizie di incidenti di varia gravità. Da episodi come quello del sub allontanato dalla corrente, che si è risolto solo con un grande spavento, fino ad una triste lunga serie di morti e malori gravi che si sono verificati durante le immersioni. Soltanto negli ultimi tre anni, dal 2015 al 2018, sono stati 7, infatti, i sub che hanno perso la vita visitando la Haven. Altri 6 hanno accusato dei malori ma si sono salvati.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione