Sul Waterfront di Levante il silenzio continua

Non ci sono novità sui lavori di riqualificazione del Waterfront di Levante nonostante la società olandese esclusa abbia rinunciato alla richiesta della sospensiva

14 febbraio 2019 | di Liguria Nautica

Ancora tutto tace sui lavori di riqualificazione del Waterfront di Levante, che dovrebbero trasformare la Fiera del Mare secondo l’avveniristico progetto dell’architetto Renzo Piano. Dopo la manifestazione di interesse e le controverse modalità con cui si è svolta la gara, di cui vi abbiamo già raccontato nei precedenti articoli, anche in questo caso sono entrati di mezzo i tribunali, con il ricorso presentato da un soggetto escluso. In sede di ricorso, però, la società olandese esclusa dalla gara ha rinunciato alla richiesta della sospensiva.

L’unica società ammessa alla Fase 2 della procedura di assegnazione è la società francese EM2C. Stando alle carte, la società avrebbe dovuto presentare l’offerta entro il 30 novembre 2018, in modo che la seconda fase dell’appalto si potesse concludere entro il 31 dicembre, con un’offerta di acquisto scelta secondo il metodo della più vantaggiosa. Ma, ovviamente la scelta ricadrebbe inevitabilmente sulla multinazionale francese, dato che è l’unica che è stata ammessa a presentare un’offerta economica. Ma neanche questo passaggio, a tutt’oggi, è ancora avvenuto.

Inoltre, a seguito della rinuncia della sospensiva formulata nel ricorso al Tar da parte della società olandese il 9 gennaio 2019, la società francese avrebbe potuto comunque formulare la propria offerta, in quanto la procedura poteva proseguire e, tra l’altro, senza l’incombenza di altri concorrenti. Che cosa sta accadendo quindi? Per quale motivo un appalto così importante per la città è ancora alla linea di partenza? Saremmo lieti, insieme a molti diportisti, di ricevere delle risposte e qualora ci pervenisse una comunicazione da chi di competenza, la pubblicheremo volentieri.

attracchi-barche-waterfront

Posti barca nel progetto Waterfront di Levante di Renzo Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti

  1. Mario Salvai ha detto:

    Non credo che Bucci abbia tante responsabilità in merito.
    Credo, invece, che lui sia arrivato in un momento in cui il percorso e gli accordi erano già stati decisi e tracciati con la vecchia amministrazione, infatti nel Comitato che ha deciso l’ordinanza di concessione ad Amico c’era Marco Doria, già non più Sindaco, che ha firmato a favore. Un altro danno a Genova, oltre a tutte le decisioni rimandate che hanno reso la città immobile. Centri sportivi, associazioni e cittadini in attesa di decisioni che non sarebbero mai arrivate.

  2. Rolli ha detto:

    Ecco la risposta: il water front è una bufala. Tutta l’area verrà svenduta ai Cantieri Amico per le loro attività industriali. Quello che dovrebbe essere un polo turistico ricreativo della città diventerà proprietà privata di pochi soggetti. Grazie sindaco!

Potrebbe interessarti anche

Cronaca

Ricorso per il Waterfront genovese di Levante: gli olandesi vanno spediti al merito

  • 11 gennaio 2019

Gli olandesi in udienza rinunciano alla sospensiva per andare subito in giudizio. Sospiro di sollievo a Palazzo Tursi, che può proseguire l'iter per la realizzazione del progetto. Ma il 20 marzo ci sarà la sentenza del TAR, a meno di un possibile accordo che si potrebbe raggiungere con intervento del sindaco

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione