Sulle concessioni per la Nuova Darsena di Genova deciderà il Tar. Udienza a febbraio

Il Tribunale amministrativo regionale deciderà con giudizio di merito abbreviato. Ucina esprime soddisfazione: “Ora attendiamo fiduciosi l’esito del giudizio”

7 novembre 2018 | di Giuseppe Orrù
Ecco come sarà la Nuova Darsena Nautica
Ecco come sarà la Nuova Darsena Nautica

Era prevedibile, atteso, quasi sperato dai diportisti. Dopo la vicenda delle concessioni della Nuova Darsena di Genova, alla Marina della Foce, Ucina Confindustria Nautica ha presentato un ricorso al Tar, contro la delibera dell’Autorità portuale che, di fatto, ha messo in atto una lampante disparità di trattamento tra Ucina e il Cantiere Amico & Co.. Il 13 febbraio 2019 ci sarà l’udienza di giudizio con rito abbreviato.

A Ucina, che ha perso il 60% degli spazi precedenti, secondo la delibera dell’Autorità portuale, spetterà circa il 40% delle attuali aree, in concessione per 4 anni e per le riparazioni navali, soprattutto relative ai grandi yacht, sarà operativa la Amico & Co, con concessione di 20 anni, le cui attività occuperanno il rimanente 60% degli spazi, come vi abbiamo raccontato in questo servizio.

In questi mesi, più volte abbiamo provato a chiedere a Ucina quali azioni volesse intraprendere. Ma la delicatezza della situazione ha portato i vertici dell’associazione nautica al silenzio. Fino all’annuncio di oggi, che riapre la partita. La svolta potrebbe arrivare a breve.

Ucina esprime soddisfazione in merito alla decisione del Tribunale Amministrativo Regionale di procedere ad udienza di giudizio di merito abbreviato. “Ucina -ha dichiarato la presidente Carla Demaria ritiene questa una grande attenzione rivolta dal Tar alla comunità cittadina che in questi anni ha fruito in diverse forme degli spazi, a terra e a mare, della darsena sia per il diporto sia per le attività sportive, ricreative e sociali veliche nonché per il Salone Nautico Internazionale. Riscontriamo con favore il pronunciamento e attendiamo con fiducia l’esito del giudizio di merito”, ha concluso la numero 1 di Confindustria Nautica.

Questa è una prima risposta ai diportisti che in concomitanza con il Salone Nautico hanno perso il loro ormeggio alla Foce, che si chiedevano cosa ne sarebbe stato del loro posto barca e del futuro della Darsena. Ora la decisione spetta al Tar. Come era prevedibile, dato che ogni tentativo di accordo tra Ucina e Amico era fallito, come ha spiegato Ucina stessa in questa nota.

 

Giuseppe Orrù

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione