Uno yacht italiano va a scogli e affonda in Corsica. Salvo tutto l’equipaggio, difficile il recupero

Incidente nelle Bocche di Bonifacio per un Aicon 72 SL utilizzato per il noleggio. In pochi minuti dall’urto con uno scoglio sommerso si è inabissato

4 Agosto 2020 | di Giuseppe Orrù
Lo yacht affondato all'Isola di Cavallo, in Corsica

Si chiama Regis lo yacht battente bandiera italiana che è affondato nei pressi dell’Isola di Cavallo, in Corsica, dopo l’urto con un basso fondale di scogli. L’imbarcazione, un Aicon 72 SL di 22 metri, in quel momento era utilizzata per un charter, affidata a un comandante italiano, con altre 11 persone a bordo, più un altro membro dell’equipaggio.

Mentre la barca, che ha il suo ormeggio in un porto della Costa Smeralda, stava navigando nelle Bocche di Bonifacio, ha urtato uno scoglio nei pressi dell’Isola di Cavallo. L’impatto ha sfondato un cavalletto di supporto dell’elica e ha creato una falla nello scafo, tanto che Regis ha iniziato rapidamente a imbarcare acqua. In breve tempo la barca ha iniziato ad appopparsi, proprio per il perso dell’acqua che ormai stava invadendo lo scafo.

La poppa dello yacht si è appoggiata sul fondale, in un punto in cui la profondità è di 18 metri, lasciando fuori dall’acqua soltanto la prua.

Il comandante è stato molto abile nel mettere tutti in sicurezza, facendo sbarcare gli ospiti con il tender e con l’utilizzo delle zattere di salvataggio. Una motovedetta della gendarmeria ha trasportato i naufraghi fino al porto dell’Isola di Cavallo.

Scongiurato il pericolo di grave inquinamento, salvo un’iridescenza visibile a pelo d’acqua, nelle scorse ore era stato impossibile recuperare il relitto, a causa delle condizioni meteorologiche avverse e del forte vento di Maestrale che sferzava quel tratto di mare.

 

Giuseppe Orrù

Lo yacht affondato all’Isola di Cavallo, in Corsica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

40 commenti

  1. Livio ha detto:

    Era per casa Schettino il comandante?

  2. Giuseppe ha detto:

    Tutti bravi a giudicare con il culo sulle sedie, sicuramente ci sarà stato un errore umano, ma in questi giorni di maestrale non è difficile ritrovarsi in balia su una corrente che ti scarroccia se non hai un minimo di esperienza e se sei in zona infida come il nord della Sardegna e i tratti di mare in Corsica, la strumentazione aiuta ma non sostituisce l’occhio, l’attenzione e l’esperienza, comunque meno male che nessuno si sia fatto male, e comunque ha fatto bene il comandante a trarre tutti in salvo, specie in una situazione di panico come sicuramente in quei momenti.

  3. Alessandro Tinarelli ha detto:

    Lo scoglio è stato sempre lì, segnalato dai plotter e dalle cartine, è lui che ci è finito sopra. Purtroppo in estate arrivano sempre comandanti inesperti che fanno il mestiere occasionalmente

  4. Claudio ha detto:

    Perché non vanno a Pescasseroli?

  5. Oberdan ha detto:

    A mia casa…Comandante è una grande parola.Veramente scarso come motoscafista,navigare in prossimita di bassi fondali o scogli affioranti, dovrebbe aumentare l’attenzione e non di poco visto che si trasportano passeggeri e …..Motoscsfista scarso e imprudente.E anche vero,che andrebbero analizzate le circostanze,vale a dire che un atterraggio in prossimita di costa e identico sia per una nave che per un motoscafo ma purtroppo non ti viene permesso dalle condixioni di beata e spensierata aria di vacanza che tegna a bordo da parte dei noleggiatori che trasporti.

  6. CAGLIOSTRO ha detto:

    Il comandante dovrebbe stare prudentemente al largo dalla costa ma la voglia di far fare il bagno agli amici vicino alla costa……a volte….costa troppo caro!

  7. Mario ha detto:

    Oohh ma qua siete tutti comandanti di petroliere e portaerei e navigatori incalliti…in mare basta un attimo ….. bisogna sentire anche la versione del comandante….prima di sparare cazzate il più di voi avrà usato una barca da 4 m nn oltre…

  8. Luciano pistininzi ha detto:

    Nell’era dei gps degli eco scandagli e delle carte nautiche dettagliate ; Ci troviamo davanti ad un comandante imprudente di tipi Schiettino

  9. Franco Gagliardi La Gala ha detto:

    Leggo troppi facili commenti impropri e sarcasici, con condanne preventive da parte di chi ancora non conosce le reali ragioni dell’incidente. Neanche il dubbio che…….? Da “uomo di mare” me ne dolgo. Occorre attendere l’esito dell’inchiesta.

  10. Danilo ha detto:

    Portare una Imbarcazione non è semplice in certe zone di atterraggio tra il sud della Corsica e il nord della Sardegna
    anni fá quello specchio di mare era soprannominato il cimitero delle imbarcazioni
    L’importante è che nessuno sia morto

  11. Massimiliano Berton ha detto:

    …continuiamo a inquinare i mari con i nostri capricci da poveri umani… anche con uno yacht di venti memtri….
    ma comunque poveri

  12. Flavio ha detto:

    Il comandante sara’ stato compagno di banco di Schettino?

  13. Paolo ha detto:

    Cartine nautiche scogli fari linee batimetriche ecc ecc…..grazie
    O star casa x evitare danni

  14. Piero lobina ha detto:

    Gli scogli sono ben rappresentati sulle carte nautiche. Il problema è che gli occupanti di molte barche amano avvicinarsi un pó troppo alla costa inoltre chi le conduce si fida esageratamente con le apparecchiature elettroniche…….

  15. Pacia Giuseppe ha detto:

    Io credo che si dovrebbero segnalare alcuni pericoli che possono trovarsi sulle rotte di imbarcazioni…

  16. Giovanni ha detto:

    Schettino ma n’do c…o vai!

  17. Giuseppe Donati ha detto:

    Per quale motivo questi scogli affioranti in mare non vengono segnalati visto che il codice della navigazione prevede che vengano installati dei fari o delle mede ?
    In questi casi la marina militare ha responsabilità ?

  18. Maurizio ha detto:

    Comandante e leggere le carte nautiche , un portolano e l’ecoscandaglio ?

  19. enrico ferraro ha detto:

    Ci sono comandanti sulla carta e comandanti veri, purtroppo quelli patentati la maggior parte non sono veri,dico questo per esperienza personale e dati di fatto.

  20. Luciano De Matteis ha detto:

    Alcuni anni fa è successo a me. Ancora non ho smesso di definirmi c….one!

  21. Bruno Camilleri ha detto:

    Mica comandava Schettino ?

  22. Marzio ha detto:

    Ma sto comandante che giocava alla Playstation con vento forte si sta con 200 occhi se sei un pilota serio io ho navigato in quelle acque le conosco bene.

  23. Michele Franco ha detto:

    Che peccato… 🤔

  24. Franco ha detto:

    Che il comandante sia stato molto bravo l’avrei detto se avesse evitato di andare per scogli, le operazioni di salvataggio non sono bravura ma solo inevitabile dovere

  25. pasquale ha detto:

    Intorno all’isola di Cavallo ci sono scogli affioranti molto infidi, se non conosci il fondale il rischio di incocciare è elevato a maggior ragione con i 22 metri. Proprio due gg fa io e un’altra barca abbiamo evitato per poco uno scoglietto non riconosciuto. Messaggio: Cavallo e isola Piana pay attention.
    Pasquale

  26. Giampiero Signorazzi ha detto:

    Navigo dal 2000 , ora a vela ma in precedenza a motore con barche impegnative. Magari il comandante è inesperto ed avventato , ma non mi sento di giudicare , quando si è in mare ( soprattutto a motore) basta talmente poco che la fortuna nell’equazione pesa almeno il 50%.
    Invece di mettermi sulla riva a puntare il dito, mi unisco sinceramente al dolore di questo armatore per la perdita della sua imbarcazione, comprendendo lo spavento che avrà provato fino alla messa in sicurezza di tutti i passeggeri. Una cosa è certa… sicuramente non ripeterà l’errore 2 volte, cosa che non si può dire per i tanti “leoni da tastiera”!
    Queste cose lasciamole alla “gente di terra” e tra noi navigatori, conserviamo solo il meglio del nostro animo. Buon vento a tutti.

  27. Giorgio de rogatis ha detto:

    Errore sicuro del comandante che nel tracciare la rotta doveva leggere bene la carta nautica, un basso fondale è segnalato sulla carta nautica, per cui nel tracciare la rotta ci si allarga dalla posizione, prudenzialmente

  28. Franco ha detto:

    Ma gli strumenti a che servono? Li hanno guardati? Errore non trascurabile!

  29. Gabriele ha detto:

    E stare un po’ più attenti quando si naviga vicino alle coste?

  30. Giuseppe ha detto:

    Ecoscandaglio penso che serve a qualcosa o sbaglio?

  31. Piero ha detto:

    Sempre gli occhi su DUE eco scandagli!!!

  32. William ha detto:

    Marinaio d’acquadolce..

  33. Daniele ha detto:

    Chi ha scritto l articolo sarà un parente del comandante

  34. Paolo Poli ha detto:

    Ma la strumentazione la guardavano?? , sono imbarcazioni dotate di profondimetri, gps cartografici, ecoscandagli.. Come è stato possibile incagliarsi.

  35. Massimiliano ferri ha detto:

    Comandante abile??

  36. flavio ha detto:

    Un comandante di Peschereccio, forse offendo il Peschereccio. Pazzesco, le carte nautiche non riportano tutti gli scogli semi affioranti, dell’isola di Cavallo e altri posti come Maddalena, e L’asinara. Che è andato a fare sotto costa con un 22m al comando? Chi gli ha dato in mano questa imbarcazione, poteva mettere in pericolo tutto l’equipaggio. Troppi cretini vanno in mare senza sapere dove andare….va bene, c’è sicuramente l’assicurazione.

  37. Gianluca ha detto:

    Non parlate giusto per dare fiato alla bocca… In mare e un attimo fare danno

  38. Davide ha detto:

    Il comandante è meglio che vada a guidare un gommone piuttosto che un 72 piedi senza fly brig in sardegna e sopratutto a cavallo lavezzi si naviga a vista poi col GPS.salame.

  39. Georges ha detto:

    Un comandante così non mi sembra tanto esperto. Gli strumenti di bordo sono talmente sofisticati che anche un principiante non avrebbe toccato quel fondale. Non so quello che potrebbe succedere se il satellite va in tilt. Questi non sarebbero capace di navigare con carte marine e sestante.

  40. Paolo ha detto:

    Il comandante è stato molto abile a prendere la secca…che a Cavalló lo sanno anche i campesinos che bisogna stare attenti

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione