“Le mie balene”. La biologa dell’Istituto Tethys racconta il suo legame con i cetacei del Mediterraneo

Una biologa, che si è dedicata allo studio di balene e delfini nel Mediterraneo, racconta le storie dei cetacei che ha incontrato nelle sue spedizioni e con cui ha spesso instaurato un rapporto del tutto personale

13 Marzo 2020 | di Giuseppe Orrù
La copertina del libro
La copertina del libro

Balene qui? Ma siete matti…“, avevano commentato gli ormeggiatori del porto, alla partenza di una delle prime spedizioni alla ricerca di cetacei nel Mediterraneo. Inizia così, nel 1986, la straordinaria avventura di Maddalena Jahoda, ricercatrice dell’Istituto Tethys, con le balenottere e i delfini, in un periodo in cui in Italia lo studio dei mammiferi marini era quasi inesistente.

Il racconto della sua passione e della sua professione ora è finito in un libro dal titolo “Le mie balene. I cetacei del Mediterraneo visti da vicino” (160 pagine, 17 euro), pubblicato da Ugo Mursia Editore nella collana “Biblioteca del Mare – Immersioni e mondo sottomarino”.

Insieme ad un gruppo di biologi e studenti, Maddalena Jahoda intraprende le attività sul campo che si dimostreranno spesso imprevedibili e movimentate: dai problemi con la Guardia Costiera dell’ex Jugoslavia, alla strumentazione costruita nel garage di casa, al “giallo” del delfino senza testa.

Con un linguaggio scorrevole e a volte ironico, l’autrice racconta le “storie” dei tanti cetacei che ha incontrato e studiato nelle sue numerose spedizioni in mare, instaurando con molti di loro un rapporto del tutto personale. Un ricco inserto di fotografie a colori dà il volto a questo meraviglioso viaggio, tra gli animali più affascinanti e misteriosi dei nostri mari.

Per chi ha seguito giorno dopo giorno la vicenda del pod di orche che ha stanziato per tre settimane nel porto di Genova, il nome di Maddalena Jahoda non è nuovo. C’era anche lei, infatti, a bordo delle motovodette della Guardia Costiera o delle altre unità di appoggio, a fornire ogni aggiornamento, spesso corredato da preziosa documentazione fotografica, messa poi a disposizione della comunità scientifica di tutto il mondo dall’Istituto Tethys di Sanremo.

La copertina del libro

La copertina del libro

Da ricercatrice a scrittrice, Maddalena Jahoda ha raccontato in un libro le sue esperienze più significative vissute in mare in tutti questi anni. Una professione stupenda, fatta di studi ma anche di incontri privilegiati con animali splendidi come i cetacei.

Stavamo ‘inciampando’ in una balenottera – scrive Jahoda – in piena emersione. Anche lei. però, era stata disattenta, perché potevamo venirle addosso. Dopo qualche istante mi resi conto che il cetaceo aveva calcolato perfettamente le distanze“.

L’AUTRICE

Maddalena Jahoda, laureata in Biologia, ha iniziato la sua carriera come giornalista scientifica, lavorando per vari mensili, tra cui “Airone” e “Aqua” e nel campo dei documentari naturalistici. Si è poi dedicata allo studio delle balene e ha fatto parte, fin dalla sua fondazione, dello staff scientifico e del consiglio direttivo dell’Istituto Tethys per la tutela dei mammiferi marini del Mediterraneo. È autrice di diversi lavori scientifici e ha pubblicato altri due libri divulgativi sui cetacei e uno sugli squali.

 

Le mie balene. I cetacei del Mediterraneo visti da vicino
di Maddalena Jahoda

Ugo Mursia Editore, Milano

Pagine: 160 con inserto fotografico a colori

17,00 euro.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione