Torna in libreria la storia di “Bacicio do Tin”: marinaio per nascita, corsaro per necessità e pirata per disperazione

La vera storia di Bacicio do Tin, prima corsaro di Napoleone, poi temibile pirata nell'Alto Tirreno. Mare, guerre, amori e miseria sono gli ingredienti di questa avventurosa, appassionante biografia

27 Febbraio 2020 | di Giuseppe Orrù
La copertina del libro
La copertina del libro

Parte da La Spezia la storia affascinante e avventurosa di “Bacicio do Tin. Corsaro dell’Imperatore e pirata in Alto Tirreno”, come recita il titolo del libro di Alberto Cavanna (406 pagine, 18 euro), pubblicato da Ugo Mursia editore, che torna in libreria con una nuova veste. Cavanna, uno spezzino come il protagonista del libro, racconta la vera storia di Bacicio do Tin, marinaio per nascita, corsaro per necessità e pirata per disperazione”, offrendo al lettore un grande romanzo di mare e di poveri cristi, che farà attraversare, a bordo dell’indimenticabile Lanpo, il confine sottile tra storia e leggenda.

Il mare e la storia si intrecciano in questo romanzo che ha immortalato nell’immaginario dei lettori Bacicio do Tin, al secolo Giovan Battista Cavicòli, marinaio spezzino che il destino trasformò in uno dei più temuti pirati del Tirreno. Comandante del veloce Lanpo, fu corsaro di Napoleone e infine pirata sulle coste dell’Alto Tirreno.

Dalla Spezia a Trafalgar, dalle coste africane alla Palmaria, dall’Atlantico alla Costa Azzurra, corre veloce la vita del Bacicio, tra navi e guerre, furti e amori, ricchezze e miserie. E corre sulle sue tracce uno strampalato biografo dei nostri giorni che, con cocciuta determinazione, cerca di ricostruire la vita del pirata spezzino e di ritrovare il suo tesoro. Il mare unisce, attraverso i secoli, le vite di due poveri cristi, in un romanzo tra storia e leggenda.

Cavanna racconta una storia che tocca più Paesi del mondo ma che profuma costantemente di Liguria, grazie anche ai dialoghi in dialetto spezzino riportati nella narrazione, che viene arricchita anche da disegni, mappe e schizzi in bianco e nero. Leggere il suo libro significa godersi una storia fatta di avventure e sorrisi, per ripercorrere le gesta di un marinaio che la vita ha voluto trasformare in pirata, ma senza fargli perdere il suo senso dell’umorismo. Alcuni storici, infatti, hanno attribuito al temibile pirata Bacicio do Tin un’esclamazione pronunciata durante la battaglia di Trafalgar: “S’i pàrta en belìn dàe Indie, i ssciòpa’n’t’er cuo a me“.

La copertina del libro

La copertina del libro

L’AUTORE

Alberto Cavanna, costruttore di navi e di storie, vive nel golfo della Spezia, a Polverara. Già affermato dirigente d’azienda, ha abbandonato la sua attività precedente per dedicarsi all’attività artistica che, oltre alla scrittura, comprende anche la pittura e il disegno. Con questo libro si è classificato al secondo posto del Premio Selezione Bancarella 2004. Con Mursia ha pubblicato anche “Storie di navi, di viaggi e di relitti” (2001), “Nelson e noi” (2006) e i romanzi per ragazzi “Il fantasma di Montecristo” (2004), “Il segreto dell’Isola-che-non-c’è” (2005) e “La nave maledetta” (2007), nella Collana Piccoli Pirati.

 

Bacicio do Tin. Corsaro dell’Imperatore e pirata in Alto Tirreno

di Alberto Cavanna

Ugo Mursia Editore, Milano, gennaio 2020

Pagine: 408

18,00 euro

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione