Amer 110 vince il World Yacht Trophy: la nostra intervista a bordo! – VIDEO

Abbiamo intervistato Noemi Amerio sull'Amer 110 di Amer Yachts, vincitore del World Yacht Trophy a Cannes

9 ottobre 2017 | di Gregorio Ferrari
Noemi Amerio ai microfoni di Liguria Nautica, a bordo di Amer 110
Noemi Amerio ai microfoni di Liguria Nautica, a bordo di Amer 110

All’ultima edizione del Salone Nautico di Genova ha partecipato un’imbarcazione d’eccezione, l’Amer 110 di Amer Yachts, fresco vincitore del World Yacht Trophy e tra le barche più belle della kermesse. A bordo di questa splendida unità abbiamo intervistato Noemi Amerio, che ci ha spiegato tutte le caratteristiche di Amer 110 e ci ha anticipato alcuni dei progetti futuri dell’azienda.

LN – Siamo sul fly di Amer 110. Cosa può dirci di questa barca?

NA – Questa imbarcazione per noi è un gioiello, siamo molto contenti di averla costruita. E’ la terza barca che facciamo per lo stesso armatore e ogni volta ci dice che riusciamo a realizzare i suoi sogni.

LN – Sul fly è installato un deck in sughero. E’ una scelta dell’armatore?

NA – E’ una scelta dell’armatore ma anche nostra che proponiamo sempre questa soluzione. I vantaggi sono moltissimi perchè è più leggero, perde appena un millimetro in sette anni e poi  non si sporca, non perde il colore e non prende fuoco.

LN – E’ il secondo anno di fila che conquistate lo stesso premio ( per l’innovazione n.d.r.). Ve lo aspettavate?

NA – Non ce lo aspettavamo per niente, è stata una sorpresa per tutti ma non possiamo che esserne orgogliosi. E’ sicuramente una gioia per tutta la famiglia.

LN – Quali sono le caratteristiche di questa imbarcazione che vi ha portato a bissare un trofeo già vinto lo scorso anno?

NA – E’ la più grossa barca al mondo con quadrupla motorizzazione Volvo Penta IPS 1200 e l’innovazione sta proprio in questo. Con un’unità di 110 piedi riusciamo a raggiungere 30 nodi riducendo i consumi del 30% in confronto agli altri motori.

LN – Lo stesso armatore si è già rivolto a voi per ben 3 barche in sei anni. E’ cambiato qualcosa nei suoi gusti?

NA – Lo stile è sempre lo stesso, art decò francese, che viene dall’Hotel Negresco di Nizza, da cui l’armatore ha tratto ispirazione. I dettagli si ripetono uguali in tutte le barche ma ogni volta la scelta ricade su imbarcazioni più grandi.

LN – Per il futuro cosa avete in programma, oltre a vincere ancora il World Yacht Trophy?  

NA – Speriamo davvero di vincerlo ancora! Comunque stiamo lavorando per realizzare un 94 piedi con due motori Ips 1350 che vogliamo presentare l’anno prossimo ai Saloni di Cannes e di Genova.

 

Argomenti:

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione