I comandanti di Italian Yacht Masters visitano i cantieri Tankoa: “Per i giovani un futuro nella nautica di lusso”

I comandanti dell’associazione Italian Yacht Masters hanno visitato i cantieri Tankoa di Genova. Al centro dell’incontro anche le possibilità lavorative per i giovani, che possono trovare sbocchi occupazionali nella nautica di lusso da diporto

30 Marzo 2021 | di Giuseppe Orrù
Visita di Italian Yacht Masters al cantiere Tankoa
Visita di Italian Yacht Masters al cantiere Tankoa

I comandanti dell’associazione Italian Yacht Masters visitano i cantieri Tankoa di Genova, per scoprire un’eccellenza italiana nella produzione di megayacht e parlare di opportunità di lavoro per i giovani.

Al centro dell’incontro, oltre alla visita al cantiere e a due megayacht, anche le possibilità lavorative per i giovani che terminano gli studi all’Istituto Nautico e che possono trovare sbocchi occupazionali nella nautica di lusso da diporto. Un tema molto caro all’ad di Tankoa, l’ingegner Vincenzo Poerio, tra i promotori, nel Distretto Nautico della Toscana, di una scuola per futuri comandanti di megayacht.

L’incontro – spiega a Liguria Nautica Giuseppe Mazza, Sales and Business Development Manager di Tankoa – è nato grazie all’antico rapporto di amicizia tra uno dei comandanti di Italian Yacht Masters, Manuel Mariotti, e l’amministratore delegato di Tankoa, Vincenzo Poerio. Per noi era la prima volta che incontravamo un’associazione di comandanti. E’ stato un incontro molto piacevole e informale, ma soprattutto interessante“.

I comandanti e i vertici Tankoa si sono confrontati, in particolare, sulle possibilità di lavoro per i giovani che vogliono diventare comandanti. Molti dei ragazzi che escono dall’Istituto Nautico, infatti, solitamente si dirigono verso la marina mercantile, cercando un imbarco su una nave. Invece, come è emerso dal confronto, ci sono molte opportunità sulla nautica da diporto di lusso.

Così come in molti settori del made in Italy – sottolinea Mazza – anche in questo c’è molta qualità e l’Italia deve tornare a far sentire la propria eccellenza in questo ambito“. L’ingegner Poerio è, infatti, riuscito ad aprire una scuola dove i ragazzi, dopo aver frequentato l’Istituto Nautico, si formano per diventare comandanti sugli yacht. “Bisognerebbe dare una spinta – dichiara Giuseppe Mazza – per aiutare a trovare lavori prestigiosi questi giovani, molti dei quali non sapevano neanche che oggi ci fosse questa possibilità“.

LA VISITA A BORDO DEL M/Y BINTADOR

I comandanti di Italian Yacht Masters hanno potuto salire a bordo del megayacht Bintador, secondo scafo della serie Tankoa S501, un 50 metri motorizzato con propulsione ibrida, premiato da Boat International come miglior megayacht nella categoria tra i 40 e i 50 metri.

Lo yacht è motorizzato con una coppia di MTU 8V4000M54 (895 kW) e due propulsori elettrici (300 kW) guidati da due generatori 250 kW a velocità variabile. In modalità DEM (Diesel Electric mode) i motori elettrici sono alimentati da due generatori a velocità variabile e permettono di raggiungere una velocità di 10,5 nodi, con un’autonomia massima di 4900 miglia nautiche. La modalità DEM assicura un notevole risparmio di carburante e riduce i livelli di rumorosità.

In modalità Ibrida, invece, uno dei due motori principali fornisce la potenza elettrica per alimentare il secondo motore elettrico per la propulsione e i servizi di bordo. A 12 nodi, lo yacht ha un’autonomia di crociera di circa 4 mila miglia nautiche. In questa modalità i due generatori diesel sono spenti in navigazione.

In modalità Tradizionale lo yacht può navigare a 16,5 nodi, utilizzando entrambi i motori diesel principali per la propulsione e un generatore diesel per i servizi di bordo. I generatori a velocità variabile regolano autonomamente la loro velocità di rotazione, in base alla carica richiesta. In modalità Booster mode, con entrambi i motori principali e i generatori in funzione per alimentare i due motori elettrici e i servizi di bordo, lo yacht raggiunge una velocità massima di 18 nodi.

L’incontro è proseguito con la visita al capannone del cantiere, dove i comandanti hanno potuto ammirare tutta la qualità costruttiva di Tankoa, applicata a due barche in costruzione, e porre tutte le domande e curiosità ai vertici dell’azienda. La visita si è poi conclusa con la promessa di organizzare un nuovo incontro e l’offerta della disponibilità dei locali di Tankoa per eventuali incontri dell’associazione Italian Yacht Masters.

 

Giuseppe Orrù

Visita di Italian Yacht Masters al cantiere Tankoa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione