Il tricolore protagonista al Mets di Amsterdam. Dati in crescita anche per componentistica e accessori

Tre i giorni di lavoro, incontri e convegni per i 1.670 espositori, provenienti da 53 nazioni. Le aziende italiane che hanno partecipato all’evento sono 288 pari al 19% del totale

25 novembre 2019 | di Giuseppe Orrù
Il Padiglione Italia del Mets
Il Padiglione Italia del Mets

Si è chiusa l’edizione 2019 del Metsrade di Amsterdam, il salone internazionale dedicato agli operatori del settore della componentistica e degli accessori per la nautica da diporto, che ha visto la presenza di 1.670 espositori provenienti da 53 nazioni. Le aziende italiane che hanno preso parte all’evento sono state ben 288, pari al 19% del totale. Tra queste c’erano anche Gruppo Boero, F.lli Razeto & Casareto, Forniture Nautiche Italiane, Osculati, San Giorgio S.E.I.N., Schenker Watermakers e Veleria San Giorgio.

La partecipazione delle aziende italiane del settore rientra nel progetto di partenariato pubblico-privato del Made in Italy, gestito da ICE Agenzia e Ucina Confindustria Nautica, che prevede un investimento di oltre 8 milioni di euro, che comprende l’acquisto degli stand preallestiti, il trasporto di materiali e prodotti in esposizione ed il personale, oltre ad un importante piano di comunicazione e di promozione sostenuto direttamente da ICE Agenzia e Ucina,  a supporto e a vantaggio di tutte le imprese del Belpaese presenti al Metstrade.

Ucina e ICE Agenzia hanno infatti organizzato nella città olandese una collettiva di 72 aziende italiane con due stand di rappresentanza, uno nel padiglione 5 (padiglione Italia) e uno nell’area Superyacht, nei quali si è svolta un’importante attività di promozione, networking e di business matching, a sostegno del Made in Italy, con la partecipazione e il supporto dell’Ufficio Studi di Ucina, di esperti del settore e di rappresentanti istituzionali dell’ambasciata italiana nei Paesi Bassi.

Il capo dell’Ufficio economico e commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Olanda, Davide Colombo e il responsabile di ICE Bruxelles, Luigi Ferrelli, hanno incontrato in visita ufficiale gli espositori italiani nei due padiglioni, accompagnati dal presidente di Ucina, Saverio Cecchi e dal direttore generale di Confindustria Nautica, Marina Stella.

CERTIFICAZIONE 100% MADE IN ITALY

Il comparto degli accessori e della componentistica dell’industria italiana della nautica – sottolinea Saverio Cecchi – riveste un ruolo fondamentale sul mercato mondiale ed è caratterizzato da un elevato livello qualitativo e tecnologico, molto apprezzato a livello globale. Tutta l’eccellenza del Made in Italy del settore era in esposizione ad Amsterdam e noi come Ucina al Metstrade l’abbiamo sostenuta e promossa, insieme ad ICE Agenzia“.

Esprimiamo, inoltre, soddisfazione per i positivi riscontri dell’iniziativa di Ucina – aggiunge il presidente di Confindustria Nautica – a tutela della produzione italiana, la Certificazione 100% Made in Italy che attesta e garantisce l’origine e la qualità dei prodotti, nata dalla convenzione con l’Istituto per la tutela dei produttori italiani“.

UN COMPARTO IN CRESCITA

Il fatturato dell’intero settore degli accessori, rappresentato principalmente da pmi, è stimato, per il 2018, pari a 1,16 miliardi di euro (per una quota del 27,1% del fatturato complessivo dell’industria italiana), derivante per 841 milioni di euro da produzione nazionale e per quasi 320 milioni di euro da importazioni. La particolarità della componente di produzione nazionale del comparto è rappresentata dal fatto che le vendite si dividono equamente fra mercato interno ed esportazioni.

Il trend conferma per il 2018 un aumento di fatturato rispetto all’anno precedente, proseguendo l’andamento positivo degli ultimi 5 anni. Nel 2018 si è assistito infatti ad una crescita sia della produzione nazionale (+8,8%), sia delle importazioni (+4,5%), che porta il fatturato del settore ad un aumento del 7,6% rispetto al 2017. E le prime proiezioni per il 2019 vedono un’ulteriore crescita del settore.

RAZETO PRESIEDE L’INCONTRO DI ICOMIA

La partecipazione di Ucina al Mets è stata strategica anche sul fronte del confronto internazionale a livello tecnico e regolamentare. Il trade show di Amsterdam è, infatti, uno dei due principali momenti annuali di incontro associativo dell’International Council of Marine Industry Associations, che riunisce 39 nazioni.  Il Mets ha ospitato le riunioni di tutti i working group della federazione mondiale, presieduta da Andrea Razeto, vice presidente Ucina. In particolare, si sono riuniti ad Amsterdam la Superyacht Division, il Market Intelligence Team ed i comitati Grow Boating, Technical, Environmental ed Exporters. A chiudere il programma è stata l’assemblea plenaria della federazione mondiale.

Con l’organizzazione della collettiva di aziende per il Mets di Amsterdam si conclude anche l’attività di promozione internazionale di Ucina e ICE Agenzia per il 2019, che riprenderà all’inizio del 2020 con una presenza istituzionale al Boot di Düsseldorf, dal 18 al 26 gennaio.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione