NavalTecnoSud vince il primo premio del Marina Industry Awards 2018 al Mets di Amsterdam

L'azienda barese è stata premiata per il suo rack, uno scaffale per il rimessaggio delle barche, con il primo premio della categoria "Boat moving/dry storage"

16 novembre 2018 | di Chiara Biffoni
NavalTecnoSud premiata al Mets 2018
Scaffale porta barche realizzato da NavalTecnoSud

Il Made in Italy vince su tutti i fronti in questa edizione 2018 del MetsTrade di Amsterdam, che si è concluso ieri a fronte di un’affluenza record di visitatori. Tra i vincitori, spicca il nome di NavalTecnoSud, nota azienda barese di attrezzature per la cantieristica navale, che si è aggiudicata il primo premio del Marina Industry Award 2018, nella categoria Boat moving/Dry storage, per il suo rack, uno scaffale porta barche che prevede una luce di 6/7 metri, una profondità di 3/4 metri, ed un’altezza di 3/7 metri a piano dove possono essere alloggiate due barche di 2,90 metri o una da 3,40 metri e una da 2,50 metri.

La sua caratteristica innovativa è data dall’appoggio delle barche, che a differenza di quelli attualmente in commercio che prevedono l’appoggio su due barre di legno orizzontali, la nostra struttura prevede due barre di acciaio, con l’applicazione di parabordi ad altissima resistenza che “abbracciano” la carena in sicurezza.

Tutte le strutture di NavalTecnoSud sono certificate CE, e i due proprietari, Roberto e Barbara Spadavecchia non potrebbero essere più  orgogliosi di questo riconoscimento, che dimostra – di fatto- l’apprezzamento internazionale nei confronti dell’attenzione che la loro azienda dedica costantemente alla qualità e alla sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti

  1. Mario Colica ha detto:

    A parte le innovazioni tecniche di eccellenza , devo notare la massima cura che Navaltecnosud applica per la protezione delle strutture in acciaio contro la corrosione ricorrendo alla zincatura .
    Per la sella delle grandi barche a vela avrei preferito che si fosse fatto ricorso alla zincatura a spruzzo all’arco elettrico che è in grado di depositare spessori di fino a 500 microns. ( Più alta è la presenza di zinco più lunga è la durata del manufatto.)

  2. Mario Colica ha detto:

    iniziativa veramente encomiabile. Serve ad avvicinare sempre più la nostra gente a chi si occupa della nsotra difesa

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione