Sequestro preventivo al Porto di Genova per sospette emissioni

L’inchiesta è nata da un controllo ambientale svolto dall’Arpal, l’agenzia ambientale regionale

23 Dicembre 2011 | di Redazione Liguria Nautica

All’origine del sequestro preventivo da parte della Guardia di Finanza di alcune aree del terminal Rinfuse del Porto di Genova ordinato dal pm Walter Cottugno, ci sarebbero sospette emissioni atmosferiche inquinanti, dovute alla movimentazione di carbone e altre “rinfuse bianche” fra cui ferro e manganese.

 

Le persone indagate per ora sono quattro, a cui viene contestato dalla pubblica accusa di non aver attuato le misure necessarie per scongiurare l’aumento che la movimentazione del carbone e delle rinfuse bianche provocasse un aumento delle emissioni di polveri inquinanti. Misure quali l’utilizzo di mezzi e ruspe non adatte ad impedire la dispersione delle polveri.

 

L’autorizzazione che era stata data al terminal per compiere questo tipo di attività, prevedeva che si potessero stoccare nell’area fra le 5 e le 20.000 tonnellate di carbone, in cumuli di un’altezza che non fosse superiore alle barriere protettive presenti di5 metricirca.La Guardiadi Finanza ha trovato invece 60 000 tonnellate.

 

Sono state poi registrate altre anomalie, come la mancanza di un autolavaggio specifico per la pulitura dei macchinari utilizzati per il trasporto dei materiali da stoccare, nonché la mancanza di avviso dell’arrivo delle navi con i carichi di rinfuse bianche all’ASL locale.

 

Francesca Pradelli

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione