Slow Fish 2017 torna a Genova e progetta di restarci

Slow Fish arriva a Genova per l'edizione 2017. Per il futuro il capoluogo ligure potrebbe diventare sede fissa

18 maggio 2017 | di Gregorio Ferrari
Slow Fish 2017 al Porto Antico di Genova. All'inaugurazione hanno partecipato diverse autorità tra cui il Ministro Martina
Slow Fish 2017 al Porto Antico di Genova. All'inaugurazione hanno partecipato diverse autorità tra cui il Ministro Martina

Fino a domenica 21 maggio il  Porto Antico di Genova ospiterà Slow Fish, evento internazionale dedicato al pesce e alle risorse del mare, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare i consumatori ampliando le conoscenze sulle comunità di pescatori e sugli stili alimentari più sostenibili.

La manifestazione, organizzata da Slow Food Italia e la Regione Liguria, è giunta alla sua ottava edizione e si prepara ad un ulteriore salto di qualità. Il capoluogo ligure è diventato un punto di riferimento per Slow Fish ed il presidente internazionale di Slow Food, Carlo Petrini, progetta di realizzare a Genova “una sede fissa, politica e fisica, per interagire con tutti gli attori del Mediterraneo. È nostro dovere lavorare perché la Liguria divenga il fulcro di un dialogo tra le sponde del nostro mare.”

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti si è mostrato molto positivo, individuando anche una possibile soluzione: “Mi sono confrontato con Carlo Petrini per fare della Liguria un centro di eccellenza permanente di Slow Fish […] facendo così di Genova la capitale del Mediterraneo per il confronto sulla biodiversità”. “L’importante- ha continuato il presidente della Regione- è non perdere tempo, perché dalla valorizzazione di quello che c’è qui oggi passa anche il successo della nostra terra e dell’Italia tutta.”

Maurizio Martina, Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali vede nello Slow Food: “Un’occasione per rilanciare l’impegno nella tutela del reddito dei pescatori e nella promozione di modelli sostenibili di salvaguardia delle risorse marine” . Martina ribadisce la disponibilità del Ministero “a sostenere la piccola pesca artigianale, che per la prima volta trova definizione in un nostro decreto”- aggiungendo anche che eventi di questo aiutano a costruire un rapporto più consapevole con i consumatori, attraverso il contatto diretto per l’educazione e la formazione».

Slow Fish progetta di stabilirsi a Genova

La strada secondo il fondatore di Slow Food, Petrini,  sembra spianata: “Per il 2019– ha detto Petrini- vogliamo darci due obiettivi: assicurare una casa a Slow Fish e contribuire insieme alle istituzioni affinché l’Italia si doti di una nave da ricerca oceanografica, bene comune indispensabile a promuovere la conoscenza dei nostri mari”.

Gregorio Ferrari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Slow Fish 2015: a Genova dal 14 al 17 maggio

  • 19 marzo 2015

La città che ospita l'evento dal 2003 da quest’anno è coinvolta ancora di più, Genova apre le proprie case grazie ai cittadini che avranno piacere di ospitare i delegati di Slow Fish, pescatori e ricercatori che arriveranno da tutto il mondo

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione