Susanne Beyer nel mito: prima tra gli italiani alla Transat

La velista di Zoagli ha coronato il sogno di una vita giungendo seconda tra le donne alla Mini Transat 2011

10 Novembre 2011 | di Redazione Liguria Nautica

Grande risultato di Susanne Beyer alla Mini Transat 2011. La velista (che nonostante il nome è nata a Zoagli nel 1978) è arrivata a Salvador de Bahia lo scorso 5 novembre, dopo 4200 miglia di navigazione (dalla Francia al Brasile con unico scalo a Madeira), giungendo prima tra gli italiani al ventitreesimo posto (su 50 barca). Nella graduatoria rosa, ha fatto meglio soltanto l’inglese Pip Hare, che ha chiuso quindicesima. Grandissimo risultato per Susy e il suo Mini “Penelope”, che le ha dato non pochi problemi. A cominciare dal guasto al timone automatica che l’ha costretta a timonare manualmente per quasi tutta la seconda tappa (320o miglia). Susanne, seconda donna italiana a partecipare alla Transat (Daniela Klein vi ha preso parte nel 2009), ha coronato il sogno di una vita.

Susanne Beyer: chi è costei? Ce lo racconta lei stessa sulle pagine del suo sito internet:

” Sono nata a Zoagli, provincia di Genova, l’11 dicembre 1978. Da papà Thomas – tedesco – mi vengono il nome straniero e la passione per la navigazione, da lui condivisa prima della mia nascita con la mamma (Laura).

 

A sei mesi i miei genitori mi portano in crociera con loro sul35 piedi “Marea”, che diventerà la mia prima palestra; comincia una bella avventura…

 

Sul Marea – un Impala 35 disegnato da Sparkman and Stevens – imparo ad andare per mare. Si naviga molto, per piacere d’estate e per regate d’inverno. Sono una marinaretta instancabile e papà è un bravo comandante. Per 16 anni navighiamo insieme. Dall’età di 6 anni – inoltre – mi dedico alle derive (pur preferendo sempre la navigazione d’altura); si comincia – ovviamente – dai mitici Optimist!

 

Che grande scuola la vela!… un bimbo, una piccola barca, il mare: un bel modo per imparare ad arrangiarsi ed allo stesso tempo a socializzare, essere corretti con gli altri, tenere in ordine le proprie cose.

 

Dai 16 anni in poi devo navigare senza papà; mi fermo del tutto un paio d’anni, poi il richiamo torna, più forte di prima; ricomincio a fare regate nel Tigullio e subito dopo mi imbarco definitivamente, facendo della mia passione un mestiere. Lavoro su barche a vela come marinaio e – per puro caso – nel 2001 capito a bordo di un oggetto di cui mi innamorerò: Tirrenia II, un ketch aurico del 1914, che partecipa al circuito Prada, il challenge delle vele d’epoca. Mi imbarco per la stagione di regate e non scendo più; la barca naviga molto e l’armo – aurico – a me sconosciuto scatena la mia curiosità. D’inverno mi dedico agli infiniti lavori di manutenzione. Per 5 anni ho lavorato come secondo e nel frattempo mi sono laureata in Scienze Politiche.

 

Nel2005 l’armatore Gianni Loffredo mi affida il comando e la gestione dei lavori di restauro.

In tutti questi anni il legno non mi distoglie dal resto del mondo della vela: continuo a partecipare alle regate ed a navigare su barche moderne. Nel2009 midiplomo all’Istituto Nautico di Genova.

 

Il Mini 650 è sempre stato soltanto un sogno, il sogno degli altri, che seguo sulle riviste della vela e tale è rimasto per molti anni. Nel 2006 decido che voglio provarci ed il sogno diventa – sulla carta – progetto; non ho mezzi, neanche per cominciare. Si parte da zero! Impiego 3 anni per trovare gli sponsor ed il finanziamento per comprare la barca.

Penelope è nata. E’ solo un’idea, una lampadina che si è accesa dentro di me e che non so più come fare a spegnere.
Penelope cresce. Diventa progetto, coinvolge gente, sempre di più, sempre più appassionati .
Fallisco più volte; tante porte in faccia, tante lacrime e delusioni, spesso voglio mollare e liberarmi di questo tarlo.
Ma Penelope c’è, esiste già e gli amici la vogliono tenere in vita.

 

Primavera 2008: sembra che le energie di tutti vengano convogliate nella direzione giusta: il mio amico Paolo mi trova l’aggancio per il finanziamento; firmo il contratto che mi dissanguerà per i prossimi 10 anni, ma sono felice come non mai!! Ce l’abbiamo fatta!!! Non io, non da sola; il grande merito va a tutti gli amici che ci hanno creduto sempre, che non mi hanno mai abbandonata”.

 

e.r.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Eventi e fiere

Arcipelago Mini 6.50: che regata!

  • 2 Aprile 2013

Si è conclusa domenica 31 Marzo mattina l’Arcipelago 650, seconda regata del circuito Mini 6.50 italiano, con la vittoria del Serie Big Jim di Platone – D’Alì

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione