Transylvania, in scena l’ultimo atto di una delle più grandi storie di mare

Nella suggestiva cornice dell’auditorio di Santa Caterina un lungo pomeriggio di immagini e racconti rende gli onori al famoso relitto e alle sue vittime; la delegazione straniera porta il messaggio di pace

3 marzo 2012 | di Redazione Liguria Nautica

“Alla scoperta del Transylvania”, la maestosa conferenza, patrocinata dalla Regione Liguria e dal Comune di Finale Ligure, è stata motivo di festa a Finalborgo, per le antiche strade di “uno dei borghi più belli d’Italia” le bandiere del Giappone, della Germania, dell’Inghilterra e dell’Italia. Questa volta responsabile dell’incontro di più nazioni, messaggere di pace e solidarietà, è proprio il Transylvania, la nave silurata nella prima guerra mondiale da un sommergibile tedesco; nella tragedia morirono circa 400 persone, altrettante si salvarono grazie all’aiuto della popolazione di Savona e Finale, recentemente la scoperta del relitto a più di 600 metri di profondità al largo delle coste di Noli. Con questa ultima giornata cala il sipario sulla leggenda ma continua la storia, questa volta pace e cooperazione fanno da sfondo, è il momento delle celebrazioni delle vittime, ma anche dei sopravvissuti e l’occasione per dare giusto merito alle forze dell’arma che hanno permesso il ritrovamento del relitto.

 

Un programma fitto e variegato quello della conferenza, che alterna momenti di commozione, a momenti scientifici, dalla lettura delle corrispondenze dei sopravvissuti e dei parenti delle vittime indirizzate all’allora sindaco di Savona, agli approfondimenti del professore dell’Università di Genova, Caffarena, del colonnello Schilardi del nucleo carabinieri subacquei, del biologo Andrea Molinari, all’intervento dell’ingegnere Guido Gay, ideatore del mezzo subacqueo “Palla Pluto” che ha permesso di scoprire e filmare il relitto a profondità estreme. Il Transylvania effettivamente dopo essere stato per 94 anni nascosto all’azione dell’uomo, è diventato esso stesso fonte di vita di essere viventi, come nel caso del corallo bianco raramente osservato.

 

La vere e propria commemorazione si è svolta con il coinvolgimento delle personalità internazionali che hanno partecipato alla lettura di una pagina di storia, come rappresentanti delle nazioni coinvolte: Richard Brooksbank, addetto militare britannico Capitano di fregata, Hiroshi Watanabe, Console generale aggiunto del Giappone, Alan Jarvis, direttore della Commmonwealth War Graves Commission e il console onorario di Germania, Alberto Marsano. “Questo è un abbraccio ideale delle comunità nazionali con la comunità ligure”.

 

La storia del Transylvania, la sua scoperta e il suo studio, adesso non sono soltanto di un ricordo ma una ricchezza che le generazioni future non dovranno dimenticare.

 

G.S.

 

Le foto sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

[nggallery id=87]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Eventi e fiere

Finale Ligure, le luci della ribalta sul relitto del Transylvania

  • 15 gennaio 2012

La scoperta del piroscafo inglese "Transylvania", affondato nel 1917 è stata celebrata in Regione con la premiazione del Centro Carabinieri Subacquei di Genova, che con Guido Gay e il supporto dell'Istituto Idrografico della Marina hanno ritrovato il piroscafo a 630 metri di profondità davanti al borgo di Noli nell'ottobre del 2011

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione