Trasformare i rifiuti in plastica in kit didattici: ora è possibile!

L'iniziativa prenderà il via nei prossimi mesi: un progetto che potrebbe davvero rivelarsi geniale

24 Luglio 2016 | di Redazione Liguria Nautica

L’inquinamento in mare è una tematica che ritorna spesso, un argomento delicato che trattiamo molto frequentemente. Oggi ne parliamo, ma in maniera diversa. Per una volta affrontiamo quest’argomento sotto nuova luce, in chiave positiva: com’è possibile?

Semplice, perchè riciclare i rifiuti di plastica per creare qualcosa di davvero utile, ora è possibile.  Gli scarti riesumati dal Mar Ligure, verranno trasformati in qualcosa di nuovo, per la precisione in kit didattici destinati all’educazione ambientale marina dei bambini non vedenti.

La trasformazione dei rifiuti in plastica sarà possibile attraverso un processo di stampa 3D. Il progetto è stato portato avanti dalla Scuola di Robotica di Genova, grazie al prezioso e indispensabile sostegno di Costa Crociere Foundation. Tutto questo diventerà realtà nel giro di breve tempo, si parla dei primi mesi del 2017. Un’idea che nasce e prende vita nell’ambito di una fitta rete di iniziative sociali per la tutela dell’ambiente marino.

Rifiuti in plastica riciclati e riutilizzati: il progetto pensato per dare nuova vita al 90% degli scarti recuperati in mare

Questo nuovo progetto è stato pensato per rendere possibile il recupero ed il riutilizzo dei rifiuti in plastica, si tratta di un’iniziativa che coinvolgerà tutte le maggiori associazioni di pescatori liguri.  Un’idea che diventa ancor più interessante se si pensa che la maggior parte degli scarti dispersi in mare sono rifiuti in plastica: questo è ciò che emerge da una recente indagine portata a termine da Legambiente.

Infatti, dopo varie ore di monitoraggio e dopo aver riportato a galla moltissimi degli scarti presenti nelle nostre acquee, è stato calcolato che i rifiuti in plastica sono quasi il 90% del totale. Un dato che ci può aiutare a capire quanto possa essere importante un’iniziativa di riciclo e di riutilizzo.

Secondo le previsioni, il progetto prenderà vita tra dicembre e gennaio, Liguria Nautica vi aggiornerà sugli sviluppi di questa rivoluzionaria idea.

Paolo Bellosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione