I 26 ristoranti vista mare più belli del mondo secondo la CNN. Tre sono italiani

L’emittente americana CNN ha stilato la classifica dei 26 ristoranti migliori al mondo in cui oltre al menù viene servita anche una vista mare mozzafiato. Tre gli italiani: in Sicilia, Veneto e Toscana

30 luglio 2019 | di Giuseppe Orrù
Ristorante Da Vittorio - Menfi
Ristorante Da Vittorio - Menfi

Il fascino di un ristorante vista mare è il valore aggiunto di una cena gourmet e di una serata da godersi all’aria aperta, in un clima di relax. Tanto che l’emittente televisiva statunitense CNN ha voluto stilare la classifica dei 26 ristoranti vista mare più belli del mondo, in un viaggio gastronomico e paesaggistico che tocca tutti i continenti.

Ristoranti in cui non solo si mangia bene, ma in cui la vista sul mare di cui si gode dal tavolo vale già da sola  il “prezzo del biglietto”. Parlando di ristoranti e di paesaggi, ovviamente, non poteva mancare l’Italia. Il Belpaese è presente nella graduatoria della CNN con tre ristoranti: in Sicilia, in Veneto  e in Toscana.

Al quarto posto della graduatoria, la CNN cita il Ristorante Da Vittorio a Menfi, in Sicilia, incastonato tra il piccolo borgo di Porto Palo di Menfi e Capo San Marco. Di fronte, la spiaggia e il mare di Sicilia. Poco più di quarant’anni fa, il bergamasco Vittorio Brignoli ne rimase stregato, tanto da decidere di fermarsi qui e aprirci un ristorante, oggi famoso per i suoi ricci di mare. Nel 1967 era poco più di una capanna, oggi Da Vittorio ha due sale, una interna e una all’aperto e dieci camere per gli ospiti. Oltre a un menù e ad un panorama capace di regalare momenti di estasi pura. Il pesce, sempre freschissimo, viene consegnato ogni mattina dai mercati di Sciacca e Mazzara o direttamente dalle barche dei pescatori locali.

Ristorante Club del Doge - Venezia

Ristorante Club del Doge – Venezia

La sesta posizione ci porta invece a Venezia, dove il romanticismo (ma anche il traffico) e le architetture del Canal Grande sono lo scenario naturale del Ristorante Club del Doge, che si trova all’interno del Gritti Palace Hotel. Nella carta del menù curato dallo chef Daniele Turco, si trovano delle chicche come la Selezione di tre preparazioni con pesce crudo dal mercato, la Zuppa di pesce “quasi cotta” e il suo brodetto tiepido.

Tra i primi lo Spaghettone triglia e finocchietto, i Ravioli del plin con ripieno di coniglio, spuma al parmigiano e tartufo nero, fino alla Pasta e fagioli alla veneta, crumble di parmigiano e cipolla bruciata. Tra i secondi piatti spiccano Rombo, consommé di funghi, spugna di alghe e zucchine con sorbetto al sedano e lime e Piccione, pan brioche, foie gras e salsa al Recioto. Siete indecisi? Potete provare il menù degustazione a 180 euro per due persone.

Si rimane sempre in Veneto con la ventesima posizione della classifica, dove si incontra il Ristorante Il Pellicano di Porto Ercole, un altro indirizzo per palati fini a picco sul mare della Maremma. Qui, ogni mattina, i pescatori locali si presentano al cospetto dello chef stellato Michelino Gioia, che esalta le ricche materie prime del territorio. Oltre al pescato del giorno locale, l’agnello e la carne chianina arrivano dalla Toscana e le erbe aromatiche direttamente dal giardino dell’hotel, seguito con cura dallo chef Gioia. Nel menu non mancano mai i suoi prodotti preferiti come il piccione, le ostriche, la triglia, l’astice blu e gli scampi.

Ristorante Il Pellicano - Porto Ercole

Ristorante Il Pellicano – Porto Ercole

Tra i nuovi piatti del menu ci sono le capesante con galletta di maiale, soffice di patate, salsa alle mele e ristretto di vino rosso, i ravioli farciti di pomodoro, crema di burrata e gamberi rossi crudi e il rombo con scarola farcita e salsa d’acciuga. Alla fine di ogni cena, un carrello con golosi cioccolati artigianali è offerto a tutti gli ospiti.

Ecco gli altri ristoranti che la CNN ha inserito nella sua classifica:

– Mama’s Fish House (Maui, Stati Uniti)
– The Rock (Pingwe, Tanzania)
– Seaspice (Miami, Stati Uniti)
– Lycabettus (Santorini, Grecia)
– Nautika (Dubrovnik, Croazia)
– Azure (Cape Town, Sudafrica)
– The Grotto (Krabi, Thailandia)
– 1 Pico at Shutters on the Beach (Santa Monica, Stati Uniti)
– aMare (San Juan, Porto Rico)
– Plage (Saint Barts)
– Lung King Heen (Hong Kong)
– The Gazebo at Goldeneye Resort (Ocho Rios, Giamaica)
– Grand Banks (New York, Stati Uniti)
– Scape (Dubai, Emirati Arabi Uniti)
– Oaxen Krog (Stoccolma, Svezia)
– Comal (Cabo San Lucas, Messico)
– Terra (Malé, Maldive)
– Coast (Watch Hill, Stati Uniti)
– The Dining Room at Cape Kidnappers (Hawke’s Bay, Nuova Zelanda)
– Coba (Anguilla).

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Incursioni in pescheria

Incursioni in pescheria: il branzino

Torna la rubrica delle incursioni in pescheria, alla scoperta di un pesce pregiato ma che è facile trovare nelle nostre acque sotto costa e proprio per la sua popolarità è conosciuto con molti nomi: il branzino

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione