Il megayacht Sarastar a Santa diventa un set: riprese a bordo e dal cielo per “Murdery Mistery”

Lo yacht maltese domenica ha compiuto diverse manovre fuori e dentro il porto di Santa Margherita Ligure, per consentire le riprese aeree del film. Le foto esclusive di LN durante le riprese

1 agosto 2018 | di Giuseppe Orrù
Sarastar a Santa Margherita Ligure durante le riprese
Sarastar a Santa Margherita Ligure durante le riprese

Aria di dolce vita a Santa Margherita Ligure, dove oltre ai turisti e bagnanti che in questo periodo affollano gli stabilimenti, nei giorni scorsi si è insediato anche il set di “Murdery Mustery”, un film con Adam Sandler e Jennifer Aniston, che sarà distribuito nel 2019 da Netflix, come ha raccontato Liguria Nautica in questo articolo.

Banchina inaccessibile

Il set cinematografico si è insediato nel molo principale del porto di Santa Margherita Ligure, protetto in ogni accesso da addetti alla sicurezza che proibivano l’accesso a piedi di chiunque fosse sprovvisto di pass e l’ormeggio di imbarcazioni estranee alla produzione. Per l’occasione Santa è stata “trasformata” nella spagnola Cartagena, con l’allestimento di un edificio di scena sul cui tetto svettavano le bandiere spagnole e la scritta della città in cui sono ambientate le scene girate in Liguria.

Il grande protagonista del set è stato il megayacht Sarastar, bandiera maltese, che ha accolto le riprese nei ponti esterni e nei grandi saloni, illuminati da un potente faro cinematografico spostato, secondo necessità, da una gru da 40 metri.

Lo yacht in scena

Nella giornata di domenica Sarastar, con i suoi 60 metri di lunghezza, è diventato “l’attore” principale. Per tutto il giorno, infatti, lo yacht ha compiuto manovre di uscita dal porto e di ormeggio, ha navigato nella rada antistante al porto di Santa Margherita Ligure, per effettuare le riprese del megayacht dall’alto, sia in navigazione che durante le manovre in porto. Una telecamera installata a bordo di un elicottero ha permesso alla produzione di ottenere suggestive inquadrature con lo sfondo di Santa Margherita Ligure e del promontorio di Portofino, nonostante le riprese fossero ambientate tra la Spagna e il Principato di Monaco. In banchina anche diversi yacht, utilizzati come “comparse” per l’ambientazione (tutti con il nome e le bandiere modificati secondo le esigenze di scena) e per accogliere gli attori. Ora Sarastar si è spostato nel porto di Oneglia per proseguire il suo lavoro da set galleggiante.

Sarastar

Consegnato a luglio 2017, questo yacht semi-dislocante interamente in alluminio vanta linee drammatiche ed eleganti, che creano una facciata da capogiro. La straordinaria estetica di Sarastar ospita anche l’eccellenza tecnica che le consente di raggiungere una velocità massima di 19,5 nodi con una velocità di crociera di 18 nodi. La squadra italiana di designer ha creato un interno eclettico, che incorpora onice bianco, marmi esotici, pietre semipreziose e tessuti di seta contro una tavolozza maschile tonale con raffiche di colori esotici. Tutti e tre i ponti a cascata hanno lucernari che permettono alla luce naturale di fluire all’interno e il salone a tutto baglio dello yacht offre uno spazio comune eccezionale. La master suite sul ponte principale dispone di un balcone ripiegabile e le sistemazioni degli ospiti sono configurate come quattro matrimoniali e una doppia. Le aree esterne comprendono un ampio solarium a pianta aperta con bar, strutture per la ristorazione e spazio relax, mentre il ponte di prua ospita un eliporto che funge anche da zona per feste e un ampio beach club con sedie a sdraio al livello del mare. Il suo prezzo è stimato in 50 milioni di euro.

Scheda tecnica

Costruzione: 2017, Mondomarine, Italy

Lunghezza: 60,2 m

Larghezza: 10,8 m

Bandiera: Malta

Motori: 2 x 3,862hp MTU

Stazza lorda: 973 t

Costruzione: Scafo – Lega di alluminio, sovrastruttura – Lega di alluminio

Velocità di crociera: 18 knots

Velocità massima: 19,5 knots

Design esterno: Luca Dini Design

Design interno: Owner’s own design

Ospiti: 12

Cabine: 6 (5 Double, 1 Twin)

Membri equipaggio: 13

 

Le foto sono di proprietà di Liguria Nautica, riproducibili previa citazione della fonte con link attivo.

Giuseppe Orrù

Potrebbe interessarti anche

Cultura

Squali al cinema: quando la paura viene dal mare

  • 19 gennaio 2018

In principio fu “Lo Squalo” di Spielberg con i suoi denti affilati, la sete di sangue e quella pinna dorsale che affiorava dall'acqua poco prima dell'imminente attacco. Da allora i film sugli squali hanno proliferato, conferendo a questi animali un ruolo di primo piano nella cinematografia horror

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione