L’ad di Tankoa Vincenzo Poerio a LN: “Passione e giovani per pensare in grande”

Intervista a Vincenzo Poerio, amministratore delegato del cantiere di megayacht Tankoa, che commenta il suo ritorno a Genova e il potenziale di un’azienda fatta di passione e tanti giovani

3 Novembre 2020 | di Giuseppe Orrù
Tankoa S501Hybrid in costruzione
Tankoa S501Hybrid in costruzione

Vincenzo Poerio è un ingegnere che ha fatto della nautica la sua vita, fino a tornare a Genova, come amministratore delegato del cantiere genovese di megayacht Tankoa Yachts. Tankoa Yachts incarna il concetto di “pensare in grande”. Le sue infrastrutture e competenze sono focalizzate su straordinarie costruzioni semi-custom e custom dai 45 metri in su. Realizza megayacht di prima classe, una tantum o in piccole serie.

Prima di diventare un top manager della nautica Vincenzo Poerio aveva deciso inizialmente di imbarcarsi come ufficiale di coperta, salvo poi studiare fino ad ottenere una laurea in ingegneria. Ha iniziato a lavorare come ricercatore al Cetena e poi per diversi cantieri navali, come Fincantieri, Azimut Benetti e ora Tankoa.

LN – Ingegner Poerio, dopo tanti anni ritorna a Genova. Com’è nato il suo rapporto con Tankoa?

VP – Tutto è nato da un simpatico e proficuo incontro con il socio di maggioranza di Tankoa. L’idea di ricominciare a lavorare in un’azienda simile a Benetti 20 anni fa mi ha stimolato e convinto. 

LN – Che azienda ha trovato al suo arrivo?

VP- Ho trovato un’azienda molto concentrata sul prodotto e con una grande passione per quello che fa, soprattutto per i molti giovani che vi lavorano.

LN – Qual è il primo obiettivo che si è posto da nuovo amministratore delegato di Tankoa?

Vincenzo Poerio

VP – Ampliare la gamma prodotto e far crescere l’azienda dal punto di vista organizzativo per migliorare l’efficienza e l’innovazione, ottimizzando le diverse funzioni aziendali per supportare al meglio l’attività commerciale e di conseguenza la redditività dell’azienda.

LN – Siamo ormai giunti alle fasi finali della costruzione del terzo scafo della serie S501. Tankoa ha subito, come molti altri cantieri, un ritardo a causa del lockdown. Ma per voi la priorità è stata la sicurezza delle maestranze. Qual è il profilo delle maestranze Tankoa?

VP – Dietro ad ogni marchio esistono delle persone, è grazie a loro che le strategie che vengono implementate avranno più o meno successo. Oggi Tankoa ha un grande potenziale che si esprimerà nei prossimi anni, nonostante i ritardi dovuti al Covid. Ovviamente l’azienda ha riaperto mettendo al primo posto la sicurezza dei propri dipendenti e delle ditte con cui lavora da anni, applicando tutte le direttive del Ministero della Salute.

LN – Quali sono le nuove tendenze in fatto di richieste da parte degli armatori dei megayacht?

VP – I clienti oggi mirano a migliorare il comfort: prestano sempre più attenzione alla bassa rumorosità, alle vibrazioni, alla riduzione dei moti dello yacht e al rispetto dell’ambiente. I tempi di costruzione sono purtroppo ancora lunghi e spesso non soddisfano le aspettative dei clienti. Tankoa per questa ragione ha deciso di iniziare a costruire in proprio alcuni modelli e ad ottimizzare i tempi di progettazione e costruzione per ridurre i tempi di consegna.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione