Symphony a Genova. Il giga yacht (102 metri) di monsieur Arnault incanta il Porto Antico

Il giga yacht Symphony è stato varato nel 2015 ed è il più grande yacht costruito nei Paesi Bassi. Fu una sfida rimorchiarlo attraverso i corsi d'acqua olandesi per raggiungere il mare aperto dopo il varo. Foto e video di LN

28 Giugno 2020 | di Giuseppe Orrù

Quando venne varato, nel 2015, fu un’impresa epica rimorchiarlo in mare aperto, facendogli percorrere gli stretti corsi d’acqua olandesi. Canali che di certo non sono avvezzi al transito di giga yacht, soprattutto se parliamo di Symphony, che con i suoi 102 metri è il più grande yacht costruito in Olanda.

Nessun problema, invece, per l’ormeggio al Marina Molo Vecchio di Genova, dove con la sua stazza domina su tutto il Porto Antico, diventandone l’attrazione principale per gli amanti dello struscio in banchina, tra gli yacht più belli e più grandi del Mediterraneo. Poche bitte più in là, infatti, ci sono le cime di ormeggio di Kauris IV, il nuovo Wally 145 di Marco Tronchetti Provera, che abbiamo incontrato in navigazione.

IL M/Y SYMPHONY

Il m/y Symphony misura 333′, ovvero 101,5 metri. Costruito da Feadship nei Paesi Bassi nel cantiere Kaag, è stato consegnato al suo armatore nel 2015. Gli interni sono stati progettati da Zuretti. Il suo armatore è Bernard Arnault, presidente e amministratore delegato di LVMH, società leader mondiale nella vendita di beni di lusso. E’ a capo della prima azienda francese, secondo Bloomberg, la prima in Europa e la terza a livello mondiale nel 2019, con un patrimonio stimato di 113 miliardi di dollari, tra cui rientra anche Symphony, il cui valore è stimato in 150 milioni di dollari.

Symphony può ospitare comodamente fino a 16 ospiti in 8 cabine, tra cui una master suite, una cabina Vip e sei cabine doppie, coccolati da 27 membri dell’equipaggio. I suoi enormi spazi aperti, sui vari ponti, offrono qualsiasi tipo di servizio, tra cui un bar, una vasca idromassaggio e un ampio solarium.
Lo scafo dislocante è costruito in acciaio, con una sovrastruttura in alluminio e ponti in teak. Sotto la linea di galleggiamento, troviamo un sistema di stabilizzazione ultramoderno, che riduce l’effetto rollio.

A spingere i suoi 102 metri sono 4 motori diesel MTU (16V 4000M 73) da 1.909 CV, che gli permettono di raggiungere una velocità massima di 22 nodi e una velocità di crociera di 16 nodi. Fare il pieno significa riempire i 256 mila litri dei serbatoi di carburante, che però permettono di scordarsi del bunker per almeno 5.500 miglia, navigando a 14 nodi. I serbatoi d’acqua dolce hanno una capacità di circa 56 mila litri.

A bordo troviamo ascensore, piscina, cinema, beach club, barbecue, garage tender, piattaforma per il nuoto, luci subacquee, bar esterno, spa, sauna, eliporto, passaggio separato per l’equipaggio, cinema all’aperto, sala massaggi, studio del proprietario, sala di osservazione, salone di bellezza, bagno turco, pista da ballo, golf tee box, stabilizzatori all’ancora, connessione wifi, idromassaggio sul ponte, palestra, biblioteca e molto altro.

Sul main deck è stato ricavato anche lo spazio per una piscina profonda 6 metri, con fondo in vetro e cascata, mentre nella moderna sala macchine c’è uno schermo multimediale interattivo che proietta le immagini dalla telecamera subacquea e le informazioni sulla posizione, sulla propulsione e su tutti i sistemi di bordo dello yacht.

 

Giuseppe Orrù

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione