Tankoa S701 “Solo”: un gioiello di design, un prodigio di tecnologia

Questo superyacht high-tech ed eco-friendly è uno degli esempi più rappresentativi dell'eccellenza Made in Italy

25 gennaio 2019 | di Manuela Sciandra
Tankoa S701 Solo
Tankoa S701 Solo

Varato il 1° agosto (Liguria Nautica era presente e qui potete leggere il nostro articolo) e consegnato lo scorso 15 novembre, il mega yacht Tankoa S701 “Solo” dei prestigiosi cantieri genovesi Tankoa Yachts è davvero uno degli esempi più rappresentativi dell’eccellenza Made in Italy, nonché una delle imbarcazioni tecnicamente più avanzate e più efficienti nella storia recente.

Lungo 72 metri e largo 11,60 metri, Solo ha un volume di 1.600 GT con un dislocamento di 1.250 tonnellate a pieno carico. Una coppia di motori Caterpillar 3516B, che sviluppano 1.825 kW, permettono allo yacht di raggiungere una velocità massima di 17,5 nodi e di mantenere, a questa velocità, un’autonomia di oltre 3.000 miglia nautiche con un margine del 10%.

Essendo un superyacht high-tech ed eco-friendly, il modello S701 è dotato di un sistema di timoneria indipendente (fornito da Rolls Royce) e i suoi motori principali sono equipaggiati con Eco Spray SCR (Selective Catalytic Reduction) per ridurre notevolmente le emissioni. Tankoa Yachts infatti presta da sempre grande attenzione alle future generazioni. A testimoniarlo anche il sistema di monitoraggio di CO2 che permette al comandante di trovare sempre la velocità ottimale riducendo le emissioni al minimo.

È inoltre importante ricordare che il mega yacht è stato costruito in conformità con la regola B5th, secondo la quale i serbatoi del carburante non devono superare ognuno i 36 metri cubi e devono essere costruiti strutturalmente a 1/5th del baglio massimo da entrambi i lati dello scafo: questo per ridurre al minimo il rischio di fuoriuscita del carburante in caso di collisione laterale. Avendo tra le sue priorità la sicurezza e il comfort, questa splendida imbarcazione è dotata di equipaggiamenti al massimo livello e la sua costruzione è stata seguita e classificata sia dai Lloyds sia dal RINA, che hanno certificato il paperless bridge.

Solo può accogliere fino a 12 ospiti in sei cabine: la master suite è situata sul gigantesco ponte armatoriale, mentre la suite VIP e le quattro doppie (due delle quali convertibili in twins) si trovano sul ponte principale e offrono una vista sul mare sbalorditiva grazie alle grandi finestrature. Inoltre la sala hair dressing/massaggi e lo studio dell’armatore possono facilmente essere convertiti in ulteriori cabine, entrambe dotate di bagno privato.

Uno degli elementi caratteristici di questo avveniristico mega yacht è il beach club, una zona spaziosa, accogliente ed equipaggiata con divani, bar, TV, bagno e un’ampia palestra Technogym con parete vetrata e terrazza apribile. Il beach club è collegato direttamente alla zona benessere, dove sono presenti una sauna (anch’essa con la propria terrazza apribile), un hammam e una doccia refrigerata con acqua a 5° Celsius. Sul ponte superiore si trovano la timoneria paperless semi-integrata Boëning con sala radio indipendente, la confortevole cabina del comandante, la sala hair dressing/massaggi e, nella sezione poppiera, un’enorme lounge con vetrate a tutta altezza, un televisore QLED con schermo piatto 90” 4K, un pianoforte a mezza coda, un bar e un camino.

All’interno del proprio appartamento, l’armatore può godere di uno studio privato e di una camera da letto con letto centrale, vetrate a tutta altezza che assicurano una vista a 180°, un lucernario vetrato e un accesso diretto verso due aree relax esterne (una con coffee table e poltroncine, l’altra con un grande prendisole e una Jacuzzi). Sul ponte armatoriale, totalmente privato e con accesso diretto all’helideck touch and go di poppa (con certificazione fino a 4,5 tonnellate), sono disponibili anche un bar, un salone, un angolo esterno per la colazione e un bagno di servizio con doccia. Il ponte poppiero è invece caratterizzato da una piscina trasversale di 6 metri, divani e schermo TV popup recessato nella sovrastruttura per trasformare tutta la zona in un vero e proprio cinema all’aperto.

Il garage centrale accoglie ben due luxury tender custom made di 7,50 metri e un ricco equipaggiamento per immersioni, mentre nei garage laterali a prua è stivata la maggior parte dei water toys. Infine, l’under lower deck è dedicato a lavanderia, sala pompe, storage, stanza per il trattamento dei rifiuti, unità AC e spazi tecnici.

Questo incredibile yacht è stato realizzato seguendo attentamente le istruzioni dell’armatore, che desiderava qualcosa di moderno, minimalista e accogliente allo stesso tempo, con ambienti interni capaci di creare un forte contrasto con gli esterni. Un’altra richiesta riguardava l’utilizzo di materiali naturali, assemblati in modo tale che il décor risultasse senza tempo e raffinato. Per ottenere questo risultato tutti i marmi utilizzati a bordo (fatta eccezione per l’onice) hanno una finitura satinata, così come la maggior parte dei legni, messi ulteriormente in risalto dal brillante ebano Macassar.

“Lo yacht -ha dichiarato il designer Francesco Paszkowskiè disegnato per un uso privato e allo stesso tempo per le necessità del charter, come richiesto dall’armatore. Questo ha richiesto continuità tra i vari spazi conviviali, una precisa ma flessibile divisione in base all’utilizzo, una corretta comunicazione tra esterno e interno e un uso rigoroso dei principi architetturali. Il design interno -ha aggiunto- è stato realizzato in collaborazione con Margherita Casprini. Tonalità chiare e scure sono state attentamente bilanciate per completarsi le une con le altre. Materiali e finiture sono combinati con meticolosa attenzione ai dettagli e a bordo vi sono i top brand del Made in Italy”.

“Solo -ha affermato Michel Karsenti, sales & marketing director di Tankoa Yachts- è stata una vera sfida. Fin dagli albori del progetto abbiamo chiaramente espresso il nostro desiderio di produrre e consegnare uno yacht che potesse competere testa a testa con i migliori cantieri del mondo. Oggi posso dire senza alcun dubbio che abbiamo raggiunto il risultato desiderato”.

SCHEDA TECNICA

Tipo di scafo: Motor Yacht dislocante a doppia elica

Classificazione: Lloyd’s – RINA (MCA LY3)

Materiale dello scafo: Acciaio/Acciaio inossidabile

Sovrastruttura: Alluminio

Ingegneria del progetto: Vincenzo Ruggiero / Tankoa Engineering

External Designer: Francesco Paszkowski Design S.r.l. (Firenze)

Interior Designer: Francesco Paszkowski and Margherita Casprini

Lunghezza fuori tutto: 72,00 mt (232,9 piedi)

Larghezza max.: 11,60 mt (38 piedi 05 pollici)

Immersione: 3,38 mt (11 piedi 08 pollici)

Dislocamento a pieno carico: 1.250 t Approx

GRT: 1,600 GRT +

Velocità max (1/2 carico): 17.5 nodi

Carburante: 162.000 litri

Acqua dolce: 37.600 litri

Motori principali: 2 x CAT 3516B

Potenza massima: 2 x 1.825 kW

Eliche: Fixed Pitch propellers

Generatori: 2 x 230 kW Northern Light 1×155 kW North. Light

Elica di prua: Naiad, 200 kW

Sistema di stabilizzazione: Naiad, quattro pinne 3.54 sq/m fins – Zero Speed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione