122 Mythos: la rivoluzione Riva presentata a Montecarlo

Circa 100.000 il numero di ore di manodopera spese per una costruzione che richiesto oltre 18 mesi impegno . Numeri che raccontano il passaggio epocale del marchio Riva dal mogano alla vetroresina a all’alluminio

23 giugno 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Ne avevamo già parlato alcuni mesi fa, ma adesso il nuovo gioiello di Ferretti Group è stato presentato al grande pubblico. Stiamo parlano del primo Riva realizzato interamente in alluminio il 122’ Mythos, nuova ammiragli della linea Riva, che è stato presentato a Montecarlo.

 

Circa 100.000 il numero di ore di manodopera spese per una costruzione che richiesto oltre 18 mesi impegno . Numeri che raccontano il passaggio epocale del marchio Riva dal mogano alla vetroresina a all’alluminio.

Riva cresce in dimensioni e tecnologia applicata, espandendo una gamma prodotti fra le più ampie e diversificate della cantieristica mondiale, per piedaggio e tipologia: 12 modelli dai 27 ai 122 piedi fra open, coupé e flybridge.

 

122’ Mythos trae origine da 86’ Domino, vero e proprio long seller della gamma coupé di Riva, da cui eredita alcuni dei principali tratti stilistici, trasferiti e rinnovati su uno scafo di quasi 38 metri di lunghezza. Frutto della cooperazione tra lo yacht Designer Mauro Micheli – fondatore insieme a Sergio Beretta di Officina Italiana  Design, lo studio che progetta l’intera flotta Riva, AYT&D – Advanced Yacht Technology & Design, il centro di ricerca, stile e sviluppo prodotto Ferretti Group, la nuova ammiraglia è un Riva al 100%, per la pulizia delle linee, la cura di ogni minimo dettaglio, la scelta dei materiali più tradizionali e al tempo stesso intramontabili – come acciaio, legno e cuoio – che rendono ogni Riva eternamente attuale.

 

122’ Mythos simboleggia anche il connubio fra due brand storici ed iconici di Ferretti Group: Riva, cha ha celebrato i 170 anni di storia nel 2012 e CRN – il cantiere navale del Gruppo Ferretti specializzato nella costruzione di megayacht completamente custom in acciaio e alluminio da 40 a 90 metri – che ha festeggiato lo scorso anno i 50 anni dalla sua fondazione. Riva e CRN rinnovano con 122’ Mythos una collaborazione storica, un legame che unisce due grandi protagonisti del mondo della nautica da diporto internazionale da oltre 40 anni, da quando, nel 1970, l’Ingegner Carlo Riva decise di sciogliere l’accordo con i cantieri olandesi, con cui aveva collaborato fino a quel momento, e di stabilire una partnership con CRN. Il cambio di rotta si dimostrò un successo e portò, tra il 1970 e il 1978, alla costruzione di ben sei motoryacht di 23,50 metri della serie Marco Polo e due Vespucci di 90 e 100 piedi, progettati dalla Carlo Riva Yacht Division.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Speciale Monaco Yacht Show: megayacht in mostra nel Principato. FOTO

  • 26 settembre 2014

Tra le barche a motore spazio al lusso sfrenato, la più grande è il 91,50 mt Equanimity di Oceanco, appena più lungo degli 85,60 mt di Carewalk, cantiere Derektor. Trai big fa bella mostra di se anche l'italiana Chopi-Chopi del cantiere CRN

Mercato nautica

Il mega yacht Yalla è in Liguria, le nostre FOTO al largo di Sori

  • 8 settembre 2014

Questo CRN 132, 73 metri di lunghezza, è stato concepito nelle linee esterne da Omega Architects, in stretta collaborazione con l’Ufficio Tecnico di CRN che ha sviluppato il progetto navale, mentre gli interiors sono a cura dello studio Droulers Architecture

Vela

Palermo – Montecarlo: B2 prova la fuga

  • 22 agosto 2014

Dopo quest'inizio in regime di brezze, tra sabato e domenica un'intensa corrente di Maestrale costringerà gli equipaggi a una navigazione più impegnativa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione