Abbordato in mare da due pirati, gli rubano la barca davanti a Camogli. Le foto del relitto

Un operaio specializzato genovese di 50 anni è stato abbordato in mare da due “pirati” - piuttosto imbranati – che gli hanno soffiato la barca al largo di Camogli. L'imbarcazione è stata trovata affondata al largo di Genova. La dinamica dei fatti è ancora oscura. Nella fotogallery le immagini della barca ritrovata.

10 aprile 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Anche in Liguria ci sono i pirati. Due uomini la sera di Pasqua sono riusciti a rubare un motoscafo da 120 mila euro sul quale il proprietario stava pescando a circa due miglia da Camogli: la barca è stata poi ritrovata affondata a una decina di miglia dal luogo del furto.

 

La dinamica – La storia ha dell’incredibile. La vittima dell’abbordaggio, Giancarlo Orizi, 50 anni, operaio specializzato genovese, è stato ritrovato dalla Capitaneria di porto su un gommone in balia delle onde dove era stato lasciato dai “pirati” che gli avevano appena soffiato il suo Crownline 260 CR (8,13 metri di lunghezza), motoscafo full optional. Orizi stava pescando davanti a Camogli, quando alla barca si è avvicinato un gommone con a bordo due uomini. I due hanno chiesto assistenza al pescatore che subito, secondo la legge che governa gli uomini di mare, si è adoperato per farli salire a bordo, lasciando il gommone alla cima. Appena a bordo però i due hanno estratto le pistole e costretto Orizi a scendere sul gommone. Sciolta la cima, i due criminali (di serie B, vedremo in seguito) se ne sono andati col motoscafo, lasciando Orizi in balia delle onde. Fortunatamente i due non hanno voluto portargli via anche il cellulare così l’ex proprietario del motoscafo ha potuto chiamare la Capitaneria tramite il 1530, numero del soccorso in mare. Non solo: i pirati sono stati così accorti da lasciare sul gommone le dotazioni di sicurezza in modo che la vittima, sparando i razzi rossi di segnalazione, potesse subito farsi trovare dai soccorritori!

 

Spariti nel nulla – La Capitaneria ha subito attivato le ricerche,diramando via radio l’identikit del motoscafo rubato. Stessa cosa ha fatto la Polmare e anche i carabinieri, che hanno attivato la squadra nautica: lo yacht è stato ritrovato a una decina di miglia da Camogli, adagiato sul fondale davanti a Corso Italia, a Genova. Ma che fine hanno fatto i pirati? E se si fosse trattato di un bluff? Il giallo (assicurativo?) è ancora da chiarire.

 

[nggallery id=102]

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 commenti

  1. Paolo ha detto:

    Mario, potrebbe….. il punto è: furto (coperto da tutte le polizze corpi) o pirateria (solitamente coperto nei rischi guerra)?
    Ma una barca di 9 metri che naviga in liguria avrà la copertura x pirateria? mah

  2. mario ha detto:

    ma ci avete pensato al premio dell’assicurazione? oppure non è possibile??
    ciao

  3. gaetano ha detto:

    Non comprendo l’insistenza della stampa nel definire il tizio “operaio specializzato”.Forse un operaio non avrebbe fatto una idiozia del genere ?

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione