Affonda un peschereccio all'Elba dopo una collisione con una nave

Un peschereccio è affondato nelle acque dell'Elba dopo una probabile collisione con una nave turca, salvo l'equipaggio

9 Aprile 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Momenti di paura per l’equipaggio di un peschereccio, affondato nelle acque antistanti l’isola d’Elba, a circa 3 miglia a sud sud ovest di Punta Fetovaia.

 

L’allarme è scattato quando si è attivato l’EPIRB del peschereccio, ossia il dispositivo che permette la localizzazione di unità in situazioni di grave emergenza. La chiamata di soccorso al numero per le emergenze in mare 1530 da parte dei tre membri dell’equipaggio ha confermato l’affondamento del peschereccio e lo stato di necessità in cui si trovavano gli occupanti. I tre uomini, infatti, dichiaravano di trovarsi a bordo di una zattera di salvataggio che presentava un piccolo foro da cui imbarcava acqua.

 

Immediati sono scattati i soccorsi della Guardia Costiera di Portoferraio, che ha inviato sul punto una motovedetta classe 800. Dopo poco più di mezz’ora, i tre naufraghi erano già in salvo, recuperati dagli uomini della Guardia Costiera. Per due di loro è stato necessario il ricovero in ospedale a causa delle contusioni riportate, mentre il comandante dell’unità è al momento in Capitaneria per essere ascoltato circa la dinamica dei fatti.

 

Sul luogo dell’affondamento sta operando una motovedetta classe 500 della Guardia Costiera di Portoferraio per monitorare l’area ed evitare eventuali danni ambientali dovuti allo sversamento del gasolio presente sul peschereccio al momento del naufragio.

 

Dalle prime dichiarazioni, sembrerebbe che l’affondamento sia dovuto alla collisione con un’altra unità. Il sistema di identificazione automatica AIS, che consente di tracciare le navi commerciali mediante la ricezione di dati significativi sull’unità, ha permesso alla Centrale Operativa di Roma della Guardia Costiera di stabilire che al momento del naufragio stava transitando sul punto la motonave Daniela A., di bandiera turca, alla quale è stato ordinato di fermarsi perché probabilmente coinvolta nell’incidente.

 

La nave si è arrestata a 10 miglia a sud sud ovest dell’Isola del Giglio e sul punto sono state inviate due motovedette della Guardia Costiera, una da Porto Santo Stefano e l’altra da Civitavecchia, per procedere alle ispezioni del caso.

 

Foto La Nazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Rolando Bocchini ha detto:

    ….interessante il “probabile collisione”….se non dormivano tutti almeno uno dovrebbe sapere come sono andati i fatti, indipendentemente dal torto/ragione.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione