Alla ricerca della riforma dei porti perduta

Niente riforma dei porti nel decreto "Sblocca Italia". Tutto resta come prima. E' caos totale.

1 settembre 2014 | di Redazione Liguria Nautica

L’avevamo sognata. Ci credevamo, anche se in cuor nostro sapevamo che sarebbe finita in questo modo. E si perchè la tanto strombazzata riforma dei porti inserita dal governo nel decreto “Sblocca Italia” è già finita in soffitta. Non se ne fa nulla e il motivo principale sembra proprio la volontà del premier Matteo Renzi di cancellare definitivamente la struttura portante delle Autorità Portuali. Diciamolo. Il sogno nel cassetto dell’ex sindaco di Firenze è la privatizzazione totale del sistema portuale italiano in nome della “rottamazione” e della competitività dei mercati.

 

Dall’altro il tandem Lupi-Serracchiani portavoce di un tentativo di “riformicchia” imperniato sull’accorpamento delle attuali 24 Authority in 15 enti (Genova-Savona, Palermo-Trapani, Napoli- Salerno e così via…) nel sacro vincolo della spending review non se la passa mica bene in mezzo ala sollevazione dei territori, all’annuncio di alcune amministrazioni portuali di ostruzionismo e sabotaggi. E come per magia se ne parlerà un altro giorno. In mezzo però c’è uno dei settori strategici più importanti del nostro paese allo sbando totale. Rotterdam e Anversa se la ridono. Anche questa è l’Europa.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Nautica in Italia: siamo all’alba di una ripresa?

  • 16 settembre 2015

Gli ultimi dati parlano di un settore in costante ripresa dopo anni di default anche grazie alla ritrovata sensibilità del Governo. Bene l'Iva al 10% e il Nuovo Codice dalla Nautica. Ma dove sono le riforme strutturali?

Mercato nautica

INCHIESTA PORTI – Ecco perché il sistema non funziona

  • 24 marzo 2015

Aspettando la riforma dei porti Liguria Nautica approfondirà in più puntate la situazione del sistema portuale italiano. Si parte con una fotografia sull'attuale stato di salute degli scali italiani.

Mercato nautica

Ciao Ciao Lupi, ma noi lo sapevamo già

  • 20 marzo 2015

Le dimissioni del Ministro alle Infrastrutture e i Trasporti, a seguito dell'inchiesta della Procura di Firenze sul sistema di corruzione e clientele che coinvolge alcuni imprenditori e lo stesso Lupi, rischiano di affondare anche la riforma dei porti

Mercato nautica

Riforma dei porti: la saga continua

  • 11 marzo 2015

Il Ministro Lupi continua il balletto tra incontri, proclami e dubbi. Intanto nel Paese la sciopero nazionale dei porti si scaglia contro le possibili massicce privatizzazioni dei servizi tecnico-nautici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti

  1. Carlo Pesta ha detto:

    Incapaci e miopi!!!
    Non ho altre definizioni….il mondo della nautica in Italia non e’ mai stato valutato per quello che realmente e’.
    Un settore lavorativo di questo genere,in un paese di mare,dovrebbe essere considerato e preservato ai primi posti delle potenzialità economiche,di sviluppo,di turismo e lavoro,nonche’ di occupazione.
    Dobbiamo ancora spiegare che la pioggia bagna…il sole scalda…e che la nautica ,perlopiu’ ,non e’ costituita solo da Megayaght…..
    E poi,appunto i Megayaght,continuano molti a scandalizzarsi del fatto che queste meravigliose imbarcazioni siano intestate a societa’ e non a persone fisiche, come se ciò fosse possibile,non lo e’!!!
    Gestire barche costosissime e di grande metratura,e’ come gestire una azienda,personale,manutenzioni,approvvigionamenti,investimento per l’acquisto ecc ecc….
    E poi,possiamo immaginare che impatto economico ha l’ingresso in uno dei nostri porti un Megayaght?
    Carburante,approvvigionamento cambusa ,attracco ecc.ecc.
    Non posseggo un Megayaght ma un 12 metri del 1992 in ottimo stato,spendo molto meno di chi possiede un appartamentino in una località di mare,spendo all’anno(fra tutto)circa 12.000€,che vanno nelle casse del comune,proprietario del porto,in carburante e manutenzioni,dunque contribuisco ad alimentare e sostenere l’economia…
    Vabbe’,potrei andare avanti All ‘infinito,pero’ mi fermo qui.
    Il vero malessere a danno dell’Italia e’ il settore politico!!!

  2. max ha detto:

    Buongiorno
    Nell agire in maniera corretta e sociale questo comportamento ulteriore del governo da l’idea ormai chiara del incapacita a governare e prendere decisioni importantiper il potenziale rialzo del paese non ho altre parole da aggiungere solo tanto sconforto e tristezza

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione