America's Cup: finale pazzesca, New Zealand avanti ma Oracle c'è

Regate combattutissime per l'America's Cup match tra Oracle e Emirates Team New Zealand: kiwi in vantaggio ma il defender è velocissimo

9 Settembre 2013 | di Redazione Liguria Nautica

Dopo le critiche, anche dure, che abbiamo rivolto verso l’America’s Cup organizzata da Oracle,sbagliata su tanti aspetti, dobbiamo ammettere una cosa: la finale tra Oracle Team USA e Emirates Team New Zealand, con i due AC 72 simili per velocità e portati al massimo, è uno spettacolo senza precedenti.

 

Match race puro ma estremo per le velocità: tantissima battaglia nelle prime quattro regate, dove la differenza, finalmente, è tornata a farla l’equipaggio con i due cat veramente vicinissimi per velocità medie. New Zealand è avanti per 3 a 0: Oracle ne vince una ma partendo da meno 2 per la penalizzazione dovrà vincerne ancora 2 per vedere muovere il suo punteggio. I kiwi sono sembrati superiori nella conduzione media della barca, con strambate pazzesche senza scendere mai sotto i 30 nodi di velocità. Più velocità per New Zealand anche in fase di virata. Oracle è apparso invece più veloce in poppa, con un VMG migliore, quindi complessivamente le prestazioni delle due barche sono piuttosto omogenee. Basta guardare le velocità medie delle regate per capire che questa volta saranno decisivi gli equipaggi: differenza minime, a vantaggio di una o l’altra barca.

 

In partenza il bilancio delle prime quattro regate è praticamente pari, ma si registra un Jimmy Spithill particolarmente aggressivo, mentre Dean Barker come sempre è una statua di ghiaccio. Su una cosa i kiwi fanno paura: la gestione della barca in assoluta calma e controllo. In race 3 New Zealand forza l’ingresso alla prima boa e si becca una penalità: a bordo non si sente una parola, freddezza totale e nel giro di un lato Oracle è ripresa e superata. Davvero notevole.

 

La finale di questa America’s Cup pende verso Team New Zealand, anche per i due punti di penalizzazione degli americani, ma l’impressione è che Oracle ha tutte le carte in regola per giocarsela decisamente alla pari. La barca c’è, l’equipaggio americano, con tanti neozelandesi, non è da meno. Ne vedremo delle belle.Prossime regate in programma il 10 settembre.

 

Mauro Giuffrè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione