AQA Yacht: a Fiumicino un cantiere che punta sul made in Italy e barche a basso impatto ambientale

Filippo Filo inaugura a Fiumicino un impianto di ultima generazione per la costruzione di imbarcazioni in vetroresina. I primi progetti sono firmati AQA Yacht

30 Giugno 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Roma, e in particolare Fiumicino, località strategica perché vicina alle principali vie di comunicazione (litorale, aeroporto) e località turistiche (Sardegna, le isole Pontine e il golfo di Napoli) hanno fatto decidere Filippo Filo, in un momento di crisi per l’economia italiana, di puntare alla realizzazione del nuovo cantiere AQA a Capo due rami dell’Isola Sacra. La scelta di collocare a Fiumicino un impianto di ultima generazione per la costruzione di imbarcazioni in vetroresina, non è casuale. Fiumicino, storico polo nautico di prima grandezza, ha subito gli effetti della crisi più di ogni altra area italiana, aprendo così un varco a chi, come Filosa, voglia promuovere una nuova impresa su questo territorio.
Filosa, laureato in International Business alla Regent school of Economics, si lancia sul mercato con  il suo bagaglio di studi economico finanziari da manuale e, raccogliendo una serie di investitori privati, sceglie il litorale romano per un’azienda che punta tutto sull’ecologia e sull’accessibilità economica per molti. Affiancato da un team di tecnici, dalla lunga esperienza nel settore nautico, gli open yacht, una volta considerati beni di lusso, vengono nel cantiere AQA reinterpretati sposando tecnologia e rispetto per l’ambiente.
Approfittando del richiamo che il design italiano ha all’estero, AQA ha scelto il Made in Italy come un’arma per combattere la crisi italiana e riaffermarsi sia in Italia che all’estero con la qualità e la convenienza. L’obiettivo è quello di rilanciare sul mercato italiano il settore delle imbarcazioni mediterranee, dell’open yacht appunto. In particolare, si punta ad intercettare l’ampia fascia di domanda proveniente da soggetti disposti a utilizzare un’unità da diporto non solo per crociera, ma anche “day” non dovendo però sostenere per questa passione costi d’ingresso eccessivi o costi di esercizio insostenibili.
In parole semplici i tre modelli progettati dal Cantiere gli AQA 35, 42, 55 lunghi rispettivamente 12,14 e 17 metri, consumano poco, inquinano poco, non producono inquinamento acustico, non sporcano il nostro Mar Mediterraneo per il quale sono specificatamente pensati e costruiti. Sono natanti di quinta generazione che possono essere paragonati alle auto Euro 5, tanto per capire.
AQA diventa la migliore imbarcazione compatibile con il Mare Nostrum per tutti quelli che amano il mare, e che a differenza del passato non dovranno sopportare costi spropositati di ingresso per vivere un’esperienza realmente di navigazione con la famiglia. Per stimolare un utente che, a causa della crisi, non ha accesso al mercato del “nuovo”, fermo da anni, AQA rappresenta la perfetta alternativa.
Ed ecco la storia di un italiano coraggioso che ha fatto della sua passione di “vivere il mare” un fatto reale e concreto agli esordi in un settore che un tempo era l’eccellenza italiana, attestandosi oggi quasi unico attore a seguito della crisi nautica.

 

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione