Arriva il rimborso sulla tassa di possesso, vi spieghiamo come fare

La promessa fatta da Befera verrà mantenuta, dal 18 novembre si potrà chiedere l'istanza di rimborso

31 ottobre 2013 | di Redazione Liguria Nautica

Fa quasi uno strano effetto scrivere di una promessa mantenuta, ma bisogna darne atto. Dopo l’annuncio di Befera al Salone Nautico di Genova, pare proprio che il rimborso per chi ha pagato la tassa sul possesso delle unità da diporto in anticipo rispetto alla riduzione o cancellazione applicata successivamente, sia in arrivo.

 

Dal 18 novembre infatti tutti gli interessati potranno presentare ufficiale istanza di rimborso tramite il software “RimborsoTassaUnitàdaDiporto”, che sarà reso disponibile gratuitamente dall’Agenzia delle Entrate sul proprio sito (www.agenziaentrate.it) a partire dalla data indicata. I rimborsi della tassa annuale sulle unità da diporto sono erogati con accredito su conto corrente bancario o postale. Verrebbe da dire…tutto bene quel che finisce bene, ma anche: non potevate pensarci prima?

 

M.G.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Agenzia delle Entrate, ma cosa combini?

  • 12 dicembre 2012

Il racconto di uno sfortunato ex-armatore (in comproprietà) di una barca a vela di 10 metri, che si è ritrovato sotto l’albero di Natale un avviso di accertamento di 18 mila euro di presunta evasione: e i calcoli sono stati effettuati utilizzando i coefficienti relativi alle barche a motore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 commenti

  1. gianni ha detto:

    il problema, secondo me, è che la richiesta di rimborso va fatta per via telematica dai soggetti abilitati utilizzando Entratel o Fisconline il che vuol dire che bisognerà rivolgersi almeno al proprio commercialista, alla faccia del rispermio, con il pericolo di spendere di più per il commercialista che per quanto si avrebbe come diritto al rimborso.

  2. cristoforo colombo ha detto:

    Ennesima presa in giro: prima distruggono il diporto costringendo a portare le barche in Croazia, Slovenia, Corsica etc. poi, visto il disastro combinato decretano questo aborto di provvedimento.
    Quel che resta del nostro Bel Paese, circondato dai mari, necessita di una politica turistica che incentivi il diporto anzichè perseguitarlo,.
    No, i possessori di barche sono considerati evasori, delinquenti da perseguire: in mare sono ormai superiori per numero gli scafi delle Capitanerie, della Guardia Costiera, della Guardia di Finanza, dei Carabinieri, della Polizia, delle Guardie Forestali rispetto a quelle dei diportisti: ogni equipaggio è composto da 4 o 5 membri che vanno a spasso vessando con assurde norme borboniche gli appassionati del mare anzichè essere destinati a servizi civili di maggior rilievo come correr dietro ai veri delinquenti. Inutile illudersi, abbiamo questa stramaledetta classe politica e credo che dovremo tenercela……purtroppo.

  3. giulio calza ha detto:

    come al solito dopo ogni decisione presa a roma , arrivano le lamentele delle categorie danneggiate. Ma non si poteva essere presenti con rappresentanti di categoria nel momento in cui si studiava la legge? si sarebbe evitato in primis : la denominazione “tassa di stazionamento” modificata poi in tassa di possesso e, sottoponendo il risultato economico in anticipo forse, si sarebbe evitata anche la tassa!

  4. Osea Pennacchiotti ha detto:

    Ma !!!! ci prendete ancora per il c…lo

  5. Sv Narese ha detto:

    Promessa mantenuta….Si, PERO’….la circolare del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, comprensiva di due allegai (A e B) e’ complessivamente di 41, ripeto, 41 pagine. Buona lettura, ma non vi preoccupate perché certamente usciranno una o più’ circolari interpretative (speriamo di non altrettante pagine) che ….chiariranno il tutto(sic!)
    Per pagare ci siamo dovuti recare in banca e riempire il modello F24. Il rimborso potra’ tuttavia essere richiesto, dopo il 18 novembre, solo on-line da coloro che hanno accesso al sistema di fisco online oppure Entratel, oppure … pagando dei commercialisti. Per cercare di recuperare (nel mio caso di barca a vela di 10 anni) qualche centinaio di euro, che non si sa bene quando verranno rimborsati, dovro’ versare subito qualche centinaio di euro al commercialista!.
    Complimenti alla burocrazia italiana. Ancora una volta le nostre autorita’ non si sono smentiscono!
    Sv Narese

    – See more at: http://www.giornaledellavela.com/content/html/index.php?s=Tassa_barca_pronto_il_modello_per_chiedereBefera_lo_aveva_annunciato_e_ha_mantenuto_la_promessa_E_stato_approvato_con_le_relative_istruzioni_il_modell&page=nodeDetail&idRecord=20340#sthash.ufp6Uizx.dpuf

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione