Arrivano le prime barche senza pilota: fantasia o realtà?

Il progetto è partito ad Amsterdam e si pensa di realizzare le prime unità già per il 2017

11 Ottobre 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Potrebbe sembrare il canovaccio di un film di fantascienza, oppure uno di quei progetti campati per aria, una news sponsorizzata solamente per fare notizia. Pensare che la realizzazione di barche senza pilota possa essere davvero possibile pare arduo, ma forse è davvero così. Il futuro corre veloce e idee che una volta erano pure utopia, oggi possono essere realtà.

Barche senza pilota: ecco le ultime indiscrezioni!

E’ stato il  MIT (Massachusetts Institute of Technology) a partorire il progetto delle barche senza pilota e l’Amsterdam Institute for Advanced Metropolitan Solutions (AMS) ha pensato bene di cogliere l’opportunità al volo. La metropoli olandese vanta un centinaio di chilometri di canali e oltre un quarto della superficie cittadina coperta dall’acqua: difficile trovare uno scenario migliore per lanciare le prime unità prototipo. La realizzazione di queste ultime è stata programmata per il 2017, insomma un tuffo nel futuro che ora pare davvero imminente.

La flotta di barche senza pilota verrà ribattezzata RoBoat. Queste unità saranno dotate di svariati sensori che, oltre a rendere possibile un movimento autonomo, permetteranno anche altre funzioni come il monitoraggio della qualità dell’acqua. Inoltre si ipotizza che queste particolari unità, potranno anche eliminare i rifiuti galleggianti dai canali, una funzione di grande importanza ambientale.

“L’acqua è portatrice di vita. Focalizzando l’attenzione sul sistema idrico della città, RoBOAT può creare opportunità per nuovi metodi di rilevamento ambientale e garantire una migliore qualità della vita cittadina sul lungo periodo”, queste le parole di Arjan van Timmeren, professore e direttore scientifico di AMS.

Una funzione di trasporto, ma anche di tutela ambientale, il progetto RoBoat avrà durata quinquennale e costerà circa venticinque milioni di euro. Soldi ben spesi? Difficile dirlo, sicuramente un ottimo investimento in ottica futuro. Un futuro molto più vicino di quanto si creda.

Paolo Bellosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione