Appello di Assomarinas al nuovo Governo: “Risolva il problema delle concessioni demaniali”

Il presidente dell’Associazione dei porti turistici italiani chiede al nuovo esecutivo un impegno per la risoluzione dei contenziosi che riguarda numerosi scali

14 giugno 2018 | di Giuseppe Orrù
Porto di Lavagna
Porto di Lavagna

Ora che il nuovo Governo sembra aver posto l’industria turistica al centro del suo programma, il presidente di Assomarinas, l’associazione dei porti turistici italiani, Roberto Perocchio, chiede di intervenire in soccorso dei porti turistici per la nautica da diporto, risolvendo innanzitutto il problema del rispetto dei patti concessori.

“Molti porti turistici –ricorda Roberto Perocchio– sono stati realizzati in Italia tra gli anni Novanta e 2000, nel bel mezzo della crisi del comparto, sulla base di concessioni contratto che, a fronte di ingenti investimenti, prevedevano canoni prefissati e indicizzati”. Il problema è subentrato negli anni successivi, quando lo Stato ha cambiato le carte in tavola, mettendo in seria difficoltà i gestori di numerosi approdi turistici italiani.

Nel 2006 un errore legislativo contenuto nella legge finanziaria 296/2006 –spiega il presidente di Assomarinas- ha posto in discussione questi accordi, aprendo un contenzioso che, anche secondo Anci, l’Associazione dei Comuni italiani e il Coordinamento delle Regioni, va assolutamente risolto per salvare gli investimenti attuali e futuri.

Una situazione che sta diventando insostenibile, che assorbe le risorse economiche e le energie dei gestori dei porti nelle aule di tribunale, anziché nel loro lavoro. “La maggior parte dei porti turistici italiani -conferma il presidente di Assomarinas- si sta battendo allo spasimo nelle aule di giustizia. L’aumento esponenziale ha costretto i porti ad aprire cause e contenziosi, arrivati al Tar e al Consiglio di Stato. I porti turistici italiani -sottolinea Perocchio- sono estremamente affaticati da questo contenzioso. Si era quasi raggiunta una soluzione con la legge di bilancio ma poi non si è arrivati a un accordo”.

Assomarinas, però, adesso guarda con fiducia al nuovo Governo, a cui lancia l’ennesimo appello: “Il turismo nautico -afferma il presidente dell’associazione dei porti turistici italiani- è una componente di pregio della nostra industria turistica nazionale che merita di essere difesa e non mortificata”.

 

Giuseppe Orrù

Argomenti: ,

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

La crisi della portualità turistica vista da Bloomberg

  • 15 agosto 2012

In un servizio mandato in onda su Bloomberg, si fa il punto sulla crisi dei marina italiani. La situazione è tutt’altro che rosea, con porticcioli deserti a causa della fuga delle barche all’estero per paura dei controlli. E voi? Vi hanno rivoltato come calzini? Siete stati in marina in cui regna la desolazione? Raccontateci le vostre esperienze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione