Giappone: grossa commessa per Azimut-Benetti

Il cantiere livornese si è aggiudicato la commessa grazie ad un progetto innovativo

23 Marzo 2017 | di Redazione Liguria Nautica
Benetti_Livorno shipyard
Benetti_Livorno shipyard

Il gruppo Azimut-Benetti ha vinto una gara indetta dal Tokyo Metropolitan Government per la realizzazione di una ‘conference boat‘ di 35 metri. L’imbarcazione verrà utilizzata per ospitare presentazioni e conferenze ufficiali della municipalità di Tokyo. Per l’assegnazione del progetto il governo metropolitano ha indetto una gara a livello internazionale. I lavori verranno eseguiti nel cantiere di Livorno e termineranno nel dicembre del 2018.

I criteri di assegnazione della gara prevedevano due fasi distinte: la prima per verificare i requisiti di solidità finanziaria e l’affidabilità organizzativa dei cantieri partecipanti, la seconda dedicata alla presentazione dell’offerta tecnico-economica.  L’imbarcazione, che si sviluppa su 3 ponti, è stata progettata per raggiungere una velocità massima di 25 nodi. All’interno è stato richiesto un tavolo per le conferenze da 35 persone con cabina di traduzione simultanea e una saletta in stile giapponese.

Per ottenere un pescaggio limitato a 1,25 metri per la navigazione nelle basse acque della capitale giapponese la propulsione sarà a idrogetti. Anche l’altezza è un elemento chiave del progetto: per poter passare sotto i ponti, infatti, la barca non potrà essere alta più di 11 metri dalla linea di galleggiamento, caratteristica che ha reso necessaria l’installazione di un’antenna retrattile appositamente studiata.

Abbiamo vinto una gara molto difficile -ha dichiarato Vincenzo Poerio, CEO di Benettiin una nazione per cui la qualità massima dei prodotti e servizi è una filosofia di vita. Il committente è stato estremamente selettivo sia nella fase di preselezione che di aggiudicazione”. Per la gestione del progetto il cantiere italiano ha designato un team di lavoro ad hoc, coordinato da Fortunato Di Marco in qualità di Project Manager, che include un gruppo di tecnici giapponesi per garantire al cliente un’assistenza immediata e completa. “Aver battuto la concorrenza di cantieri importanti –ha concluso Poerio– è stato un ulteriore riconoscimento alla nostra affidabilità organizzativa, solidità finanziaria, esperienza costruttiva e capacità di innovazione tecnologica, di cui non posso che essere orgoglioso”.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione