Il batterio mangia plastica potrebbe salvare il mare

"Ideonella sakaiensis 201-F6": questo il nome del batterio scoperto dai giapponesi in grado di smaltire la plastica in sole 6 settimane.

15 Marzo 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Sara’ un batterio mangia plastica a liberarci dal problema della plastica in eccesso e a salvare i nostri mari dall’inquinamento. E’ quanto emerso da uno studio condotto da alcuni scienziati giapponesi, che hanno scoperto l’esistenza di un batterio in grado di rompere i legami chimici del PET, il materiale di solito usato per realizzare le bottiglie di plastica.

Ogni anno vengono prodotti 311 milioni di tonnellate di plastica, ricavata per il 90% dal petrolio e per il solo 14% dal reciclo, e di queste molte finiscono in mare inquinando irreparabilmente i vari ecosistemi e mettendo a rischio la vita degli animali che ci abitano. Ben note sono (o dovrebbero esserlo), purtroppo, quelle isole gallegianti di spazzatura che si spostano da una parte all’altra degli oceani sfruttando le correnti marine. Questo avviene perche’ la plastica, impiegandoci molto tempo prima di degradarsi, si accumula in un unico punto e forma dei veri e propri “continenti” di rifiuti. Ora, pero’, grazie a questo studio pubblicato sulla rivista Science, forse sara’ possibile trovare una soluzione piu’ efficace al problema. Il batterio Ideonella sakaiensis 201-F6 ha, infatti, la capacita’ di produrre degli enzimi in grado di “corrodere” i legami del PET e di smaltire la plastica in sole 6 settimane.

Gli scienziati, tuttavia avvertono che questa non puo’ essere considerata una soluzione definitiva allo smaltimento della plastica. Per potersi servire del batterio occorre, infatti, investire in spazi, strumenti e risorse per creare delle strutture specializzate esclusivamente nello smaltimento del PET e questo potrebbe essere gia’ un limite non da poco per il suo sfruttamento.

Non va comunque dimenticato che esistono gia’ delle strutture adibite al riciclo del PET . Evitando di distruggere del tutto un materiale prodotto da una risorsa preziosa e difficile da reperire come il petriolio, si ottengono materiali da impiegare in diversi settori economici: quello dell’abbigliamento, per esempio, adopera questo metodo per creare fibre tessili da utilizzare nella realizzazione dei vestiti.

Ma esiste davvero una soluzione al problema della plastica? C’e’ chi sostiene che l’unico modo efficace sia produrne di meno e riciclarne di piu’. Ma bastera’ davvero?

Chiara Biffoni

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione