Briatore rinviato a giudizio per il Force Blue

L'accusa dei pm genovesi, recapitata anche ai vertici della Autumn Sailing LTD, è di avere evaso l'IVA e non avere pagato le accise sul carburante

3 Maggio 2013 | di Redazione Liguria Nautica

Non si può certo dire che un personaggio come Flavio Briatore faccia bene all’immagine della nautica italiana:  l’imprenditore piemontese  è accusato di aver evaso accise sul carburante e Iva relative all’utilizzo del megayacht di 62 metri Force Blue, sequestrato nel maggio del 2010 alla Spezia, e per queste accuse è stato chiesto il rinvio a giudizio.

 

La richiesta è partita dai pm della procura di Genova Walter Cotugno e Patrizia Petruzziello, ed è stata recapitata anche  ai vertici della Autumn Sailing Ltd, la società che ha in gestione il megayacht di 63 metri Force Blue: in particolare tra i dirigenti della società sono coinvolti Maria Pia De Fusco, 48 anni, amministratore unico della Autumn Sailing Ltd dall’aprile del 2006 al febbraio del 2008, Ferdinando Tarquini, 42 anni, comandante del “Force Blue”, Dominique Warluzel, 55 anni, amministratore unico dell’Autmun Sailing Ltd dal febbraio del 2008 e Laurence Eckle Teyssedou, 44 anni, amministratrice di fatto della Autumn Sailing Ltd. Tutti e quattro sono accusati delle violazioni del Testo unico delle leggi doganali e del Testo unico Iva.

 

Secondo quanto avanzato dai pm genovesi Briatore avrebbe evaso l’IVA per un totale di 3.6 milioni di euro, e si sarebbe sottratto al pagamento di un milione e 480 mila euro delle accise sul carburante. Il Force Blue di Briatore è registrato alle Isole Cayman, uno dei più noti paradisi fiscali.

 

M.G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

3 commenti

  1. Marco ha detto:

    Bravi, facciamone scappare unaltro.
    Ma è normale che l’Italia sia completamente circondata Da mare e da stupidi governanti che fanno scappare le barche?
    Non sarebbe meglio agevolare chi potrebbe generare introiti a noi italiani e del settore diventando noi paradiso fiscale?

  2. Gianni ha detto:

    Cara Liguria Nautica, quando pubblichi una notizia dovrebbe esserci almeno una parvenza di ragionamento. Questa sembra solo l’ennesima invettiva contro il ricco evasore. Il Force Blue è registrato alle Isole Cayman e quindi non deve pagare l’IVA. Il carburante detassato viene erogato ad una inbarcazione commerciale alla presenza della GdF in funzione del contratto di noleggio o di lavoro. Eventuali contestazioni dovrebbero essere fatte al momento dell’ingresso della nave nelle acque della comunità europea. Sequestrare una nave con tali argomenti e tale chiasso è stato visto all’estero come un atto di pirateria ed ha avuto come risultato lo svuotamento dei nostri marina. Il chè mi sembra fondamentalmente stupido. Non capisco tutto questo accanimento contro la nautica che è il sistema più efficace in assoluto per togliere un po’ di soldi ai ricchi. Non ci si rende conto di quante famiglie possono vivere con il giro d’affari creato da una barca come il Force Blue!

  3. giorgio ha detto:

    Caro Briatore, non potevi accontentarti di una barca più piccola e pagare come tutti noi umani se poi sei costretto a fare questi giochini?
    Poi un 62 metri non sei nemmeno capace di condurlo….. che soddisfazione ci provi?

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Caso Force Blue, Briatore a Genova per l’udienza

  • 22 Novembre 2013

L’imprenditore piemontese Flavio Briatore si è presentato in tribunale a Genova per l’udienza preliminare che lo vede sul banco degli imputati per il mancato pagamento delle accise e dell’Iva nell’utilizzo del megayacht Force Blue

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione